Specchio Straniero

kandahar4

Viaggio a Kandahar

Viaggio a Kandahar

Poco prima dell’attentato alle torri gemelle del 2001, esce nelle sale cinematografiche “Viaggio a Kandahar”, film diretto dal regista iraniano Mohsen Makhmalbaf girato tra l’Iran e l’Afghanistan sotto il regime talebano. La vicenda raccontata (in parte vera e in parte inventata) è quella di Nafas, una rifugiata afghana che da anni vive in Canada ma

social

L’accoglienza va a teatro

“Social Comedy – intrigo a via Doganelli” è la prima commedia italiana a essersi occupata dell’accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati, raccontando la quotidianità di una Onlus impegnata nel sistema dell’accoglienza.

Lo spettacolo, andato in scena al Teatro Miela di Trieste, ha registrato in entrambe le serate il tutto esaurito: ad assistere alla commedia

brussels_conference_on_afghanistan5_0

L’Afghanistan deciso a tavolino

  Lo scorso ottobre è stato firmato a Bruxelles un accordo tra l’Unione europea e il governo di Kabul che prevede procedure facilitate per rimpatriare i profughi afghani che non hanno ottenuto lo status di rifugiato in Europa. Siglato a porte chiuse e senza il coinvolgimento della società civile, l’accordo prevede la creazione di voli

sdut-a-migrant-man-with-a-child-on-h-20160822

La storia di Hafeez

Hafeez ha 20 anni e decide di partire dall’Afghanistan per venire in Italia alla ricerca di una vita tranquilla, lontana da guerra e distruzione. Il suo viaggio – lungo la “rotta balcanica” – dura diverse settimane, ed è fatto con ogni mezzo di trasporto possibile, dagli autobus ai treni, fino ai propri piedi quando gli

durand

La linea Durand

Quello tra Afghanistan e Pakistan è, a causa del rapporto tra i due paesi e delle vicende storiche recenti, un confine “caldo”; oltre a essere, più di altri, un confine “arbitrario”: il “Durand Line”, com’è chiamato dal nome di Sir Mortimer Durand (Segretario degli Esteri del Raj Britannico), è stato istituito nel 1893 e divide

social comedy

Social Comedy

«Quattro operatori sociali estremamente variopinti, la loro capa estremamente autorevole, un drammaturgo estremamente sperduto, un poliziotto gentile sempre in viva voce e un’anziana signora (forse del Ku Klux Klan?)… E poi rifugiati afgani di cui si parla sempre ma che non si vedono mai. Tutti insieme durante due giornate ricche di tensioni, colpi di scena,

poligamia

Anche la poligamia è un diritto civile?

Lo scorso agosto hanno fatto molto discutere le dichiarazioni di Hamza Roberto Piccardo, fondatore dell’Unione delle Comunità Islamiche Italiane, riguardanti la poligamia. Sulla propria pagina facebook, poche settimane dopo l’approvazione della legge Cirinnà che regola le “unioni civili” tra persone dello stesso sesso, Piccardo ha commentato: “Se è solo una questione di diritti civili, ebbene

1877-Satirical_map_of_Europe

La belle Europe

Con quale idea di Europa i migranti partono per il loro viaggio verso il “vecchio continente”, attraversando un cammino lungo migliaia di chilometri e costellato di pericoli? E quale idea si formano in un secondo momento, dopo essere arrivati e aver conosciuto la vita concreta in Europa, con le difficoltà di trovare lavoro, le differenze

burkini-bikini

Burkini under the sun

Le cronache ferragostane sono state segnate da un dibattito riguardante l’islam, il ruolo della donna, e il suo vestiario sulle spiagge: in una parola, il “burkini”, neologismo che unisce le parole “burqa” e “bikini”, collegando due concetti agli antipodi per quanto riguarda il vestiario della donna e il suo rapporto con il corpo negli spazi

Palestinian musicians perform in Jerusalem's Old City during celebrations to mark the breaking of fast on the second day of the holy month of Ramadan August 12, 2010. Muslims around the world abstain from eating, drinking and sexual relations from sunrise to sunset during Ramadan, the holiest month in the Islamic calendar.    REUTERS/Ammar Awad (JERUSALEM - Tags: RELIGION SOCIETY IMAGES OF THE DAY)

Ramadan mubarak!

Nella città di Zagora, vicino al deserto del Marocco, due giovani hanno cercato di placare la sete, durante una giornata torrida di oltre 40°, bevendo una bottiglia d’acqua fresca. Un comportamento comprensibile, se non fosse che si è nel mese del Ramadan: l’atteggiamento dei ragazzi, considerato «sfacciato», dovrà essere pagato con due mesi di detenzione

Top