Alchimista

Expo 2015. Debito, cemento e precarietà

Expo 2015. Debito, cemento e precarietà

  L’esposizione universale milanese dovrebbe aprire i battenti nel maggio 2015. Parole d’ordine della comunicazione ufficiale sono la biodiversità, l’ecosostenibilità, e la sicurezza alimentare. Venduta alla città e al mondo come una grande opportunità di sviluppo, Expo nasconde però dei meccanismi perversi di sfruttamento del lavoro e del territorio, come evidenziato dai movimenti e comitati

Poveglia per tutti. Isola bene comune o peso morto da privatizzare?

Messa in vendita dal Demanio nell’ambito del programma di alienazioni di beni pubblici messo in campo dallo Stato Italiano (non certo isolato in ambito europeo) con la motivazione di far fronte al debito pubblico, l’Isola di Poveglia, nella Laguna Veneziana, è stata in un primo momento aggiudicata all’imprenditore Luigi Brugnaro, che ha vinto l’asta con

In nome del popolo sovrano. L’Europa dopo il momento elettorale

Le elezioni europee del 25 maggio vedono in molti paesi il ridimensionamento tanto dei partiti della sfera socialdemocratica, quanto degli afferenti alla tradizione democristiana. Ad avanzare sono le sinistre che fanno capo a Tsipras, ma anche le destre populiste e nazionaliste. Tutto sommato le cancellerie però tengono e si preparano ad affrontare la crisi considerandola,

La casa dei sogni. Renzi e il piano casa, tra bugie e repressione dei movimenti.

Il 21 maggio è stato tramutato in legge il decreto Lupi. Il Piano Casa che nella comunicazione del Governo Renzi dovrebbe rispondere ai problemi abitativi degli italiani, è in realtà oggetto di pesanti critiche, soprattutto da parte dei Movimenti per il Diritto all’Abitare.

STOP TTIP. I negoziati per gli accordi di libero scambio UE-USA

Sono giunti al quinto appuntamento ufficiale i negoziati per il TTIP, il trattato di libero scambio tra UE e USA. Dal 19 al 23 maggio in Virginia non si discute tanto l’eliminazione dei dazi doganali, già molto bassi tra Europa e Stati Uniti, quanto la ricerca di nuovi standard comuni in materia di sicurezza sul lavoro

Il petrolio del Delta. ENI e le accuse di corruzione in Nigeria.

Presente nell’area dalla fine degli anni settanta, ENI è tra le principali compagnie petrolifere che sfrutta il petrolio presente nel Delta del Niger. Oltre alle responsabilità sui disastri ambientali nel delicato ecosistema del Delta del Niger, oggi la compagnia del cane a sei zampe è accusata di corruzione e riciclaggio in merito alla transazione per

Operazione riuscita: Cipro e la Grecia dopo la cura “Troika”

Ad un anno dall’applicazione del programma di rientro dal debito imposto dalla Troika, la Repubblica di Cipro fa i conti con le conseguenze dell’austerità. Al prelievo forzoso applicato ai conti superiori a 100.000 euro si aggiungono importanti costi sociali per tutta la popolazione.

Il Portogallo fa i conti con tre anni di “salvataggio”

A tre anni dalla messa in campo del piano di salvataggio da 78 miliardi di euro da parte di UE, Bce e FMI, il Portogallo ha visto il proprio debito pubblico impennarsi, a fronte di pesanti tagli alla spesa sociale e dello stato.  Il paese stenta a riprendersi dalla ricetta di aiuto applicato dalle istituzioni

C’è posta per te. Poste Italiane e i piani di privatizzazione

La privatizzazione del 40% di Poste Italiane è stata annunciata dal governo Letta, pochi giorni prima della sua caduta in favore del nuovo presidente dei consiglio Matteo Renzi, che per il momento non ha smentito l’operazione. Scopo dichiarato incassare prontamente tra i 4 e i 5 miliardi di euro per far fronte al debito pubblico.

La banca cattiva. Il banco malo spagnolo e le ipotesi italiane

L’idea di creare una bad bank che si faccia carico dei crediti tossici presenti nei portafogli delle banche italiane piace al Governatore della Banca d’Italia Visco. Nonostante le pesanti conseguenze che hanno investito i paesi che hanno adottato soluzioni simili, Spagna in testa.

Top