Ambiente

Nucleare: cade l’ultimo ostacolo

Con la decisione della Corte costituzionale è caduto anche l’ultimo disperato tentativo del governo di bloccare il voto popolare contro il nucleare. All’unanimità i giudici della consulta hanno deciso che il nuovo quesito riformulato dalla Corte di Cassazione la scorsa settimana, è ammissibile. “Ora la parola passa ai cittadini” commentano i comitati per il sì

Patagonia: sì alle dighe dello scandalo

Dal sito di CRBM. La Commissione ambientale della regione dell’Aysen ha approvato con undici voti a favore e uno contrario il progetto che prevede la costruzione di cinque mega dighe sui fiumi Pascua e Baker, nella Patagonia cilena. Una volta realizzati gli sbarramenti, saranno sommersi ben 5.600 ettari di un raro ecosistema forestale, con impatti

Nucleare: dall’Italia un nuovo carico di scorie per la Francia

Dopo il convoglio atomico dello scorso febbraio, un nuovo carico nucleare ha lasciato l’Italia in direzione del deposito de La Hague in Francia. Alla stazione di Avigliano circa 200 manifestanti hanno atteso dalla sera di domenica il passaggio del treno. Contro di loro un imponente schieramento di forze dell’ordine non ha esitato a caricare i

Messico: futuro atomico?

Mentre nel mondo il disastro giapponese sta frenando l’utilizzo del nucleare, in Messico l’atomico si rafforza. Obiettivo da qui al 2025: aumentare del 35 per cento del totale la produzione di energia “pulita”. A dicembre scorso, nel corso della conferenza sul cambiamento climatico di Cancun, il governo messicano ha reso pubblica la decisione di ridurre

Rifiuti speciali in Italia: 140 milioni di tonnellate all’anno

Con un considerevole ritardo, arriva il rapporto dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) del 2010 sui rifiuti speciali in Italia. Nello studio, basato sui dati del 2007 e del 2008, si parla di produzione, gestione e trasporto dei rifiuti speciali.   Secondo il dossier dell’Ispra nel nostro paese c’è stata una

Napoli Est: I cittadini insorgono contro il nuovo inceneritore

“Si alle bonifiche e alla riqualificazione e no a monnezza e inceneritore”. Con questo slogan il 27 aprile i cittadini di Napoli Est sfileranno per le strade del loro territorio, dove a breve dovrebbe essere costruito un inceneritore. “Siamo stufi di manovre ridicole che tendono solo a tamponare l’ennesima “emergenza”, che dopo 17 anni sarebbe

Nucleare: anche la Turchia si spacca

Fino a qualche settimana fa il dibattito sul nucleare in Turchia era praticamente inesistente, ma le notizie che giungono dal Giappone hanno risvegliato anche qui la società civile e fatto emergere forti dubbi sul programma atomico del governo di Erdogan. Le critiche si sono concentrate sul progetto di una centrale nucleare ad Akkuyu, non lontano

400 milioni bruciati, per ostacolare i referendum

La scelta del governo di fissare la data per i referendum su acqua e nucleare al 12 e 13 giugno, costerà alle casse dello stato 400 milioni di euro in più. Questa è infatti la differenza rispetto a quanto si sarebbe speso accorpando il voto referendario con le amministrative che si svolgeranno in diverse località

Blitz all’Enel contro la follia nucleare

Blitz in mattinata nella sede dell’Enel a Roma, per contestare la scelta nucleare della società a partecipazione statale. Una settantina di militanti di Uniti contro la Crisi sono entrati nel quartier generale dell’Enel a viale Regina Margherita distribuendo volantini e srotolando striscioni contro il nucleare. A destare perplessità sono state in particolare le dichiarazioni dei

Giappone: il governo minimizza sulla catastrofe nucleare?

Le consequenze degli incidenti alle centrali nucleari giapponesi a seguito del terremoto sarebbero più gravi di quanto sostenuto dal governo di Tokyo. Ad affermarlo è Sortir du nucleaire, rete anti nuclearista francese che ha reso noti i risultati delle prime rivelazioni indipendenti fatte domenica nei dintorni della centrale di Fukushima. “Misure allarmanti” dichiara Sortir. “Nel

Top