Tag Archives: respingimenti

Il naufragio dell’accoglienza e la morte del diritto d’asilo

Il naufragio dell’accoglienza e la morte del diritto d’asilo

Nei giorni del naufragio di Lampedusa dell’ottobre 2013, durante una manifestazione per le strade di Roma, un cartello tenuto in mano da un giovane ragazzo straniero suggeriva “Invece di dare la cittadinanza ai morti date la residenza ai vivi!”. Oggi, nella settimana della commiserazione per l’ultimo naufragio avvenuto nel Mediterraneo, varrebbe allora la pena tenere

Balkan route: l’altra via per la Fortezza Europa

E’ conosciuta come Blakan route èd è uno dei percorsi più battuti dai migranti a seguito del rafforzamento dei controlli nel Mediterraneo e lungo la frontiera tra Grecia e Turchia. Negli ultimi tre anni questo percorso che, attraverso la Macedonia e la Serbia porta fino all’Ungheria, ha visto un traffico sempre maggiore: rispetto all’anno precedente nel

Passpartù 39: L’isola dei turchi invisibili

Federico Miragliotta, direttore del Centro di Primo Soccorso e Accoglienza di Contrada Imbriacola di Lampedusa, ci ha accompagnato a fare una visita nel complesso. Il centro oggi è vuoto. Da circa due mesi nessun migrante arriva sull’isola, ma il padiglione distrutto da un incendio a febbraio è stato ricostruito a tempi record. La politica dei

Respingimenti: l’ UNHCR accusa le autorità italiane di aver usato la forza

Nuovo attacco dell’alto commissariato ONU per i rifugiati, l’UNHCR, alla politica dei respingimenti in mare delle navi di migranti dirette verso le coste italiane. L’episodio sotto accusa risale al 1 luglio, giorno in cui la nave italiana Orione ha riconsegnato in mani libiche 82 migranti intercettati e, secondo le testimonianze raccolte dall’ UNHCR, maltrattati e

Lampedusa: i respingimenti non dureranno a lungo, già in costruzione il nuovo CIE

Dieci giorni fa un’imbarcazione che trasportava 47 migranti provenienti dalla Libia è stata avvistata nel Canale di Sicilia. Quaranta di loro sono stati respinti da militari libici che navigano su motovedette regalate dalla Guardia di Finanza italiana, mentre sette persone, considerate in condizioni fisiche non adeguate per affrontare il viaggio di ritorno, sono state scortate

Passpartù 38: la legge della Jungle

In questa penultima puntata di Passpartù travalichiamo le Alpi per andare a vedere come vivono i migranti in Francia. Gran parte di loro è passata per l’Italia ma poi ha deciso di tentare la fortuna in quest’altro paese europeo. Come vedremo, anche lì le cose non sono semplici. In chiusura poi Ritmi ci proporrà un

Passpartù 37: scenari futuri

Le persone di orgine straniera che vivono nel nostro paese  cambieranno l’Italia di domani? Noi crediamo che  i migranti salveranno l’Italia,  a patto che l’Italia salverà loro. In chiusura , Ritmi ci porterà tra i suoni dei peggiori ghetti del Sud Africa.

Passpartù 36: Cambio di rotta

Da est a ovest, da sud a est, da sud a ancora più sud. Le autorità italiane, greche, turche, libiche respingono i migranti alle frontiere. E le rotte dei rifugiati si rimescolano, davanti agli sguardi indifferenti di una società sempre più assueffatta alle violazioni. Ma il respingimento è un’azione illegale, e i paesi che attuano

Passpartù 34: Lavorare nel paese dei controsensi

Per ogni immigrato che arriva via mare, il Governo chiede l’ingresso di altri dodici con la programmazione dei decreti flussi che stabiliscono di quanta manodopera straniera l’Italia ha bisogno. la maggior parte dei “clandestini” entra da regolare, con un visto, poi il visto scade, si entra in clandestinità e si lavora in nero. L’Italia dei

Top