Blog Archives

Passpartù: In Viaggio Sul Dragone

Passpartù: In Viaggio Sul Dragone

“Non si può dare una definizione omogenea degli immigrati cinesi in Italia perché, in realtà, esiste una grandissima varietà sia di status sociali sia di luoghi di provenienza ed ogni gruppo sociale attribuisce la colpa dei pregiudizi e delle idee negative che gli italiani hanno nei confronti dei cinesi ad altri gruppi sociali e ad

Baogao: la Cina contro i Mister Gay

Perseguita durante il governo di Mao, l’omosessualità in Cina è ritornata ad essere “legale” solo dal 1997, ma ancora oggi è mal tollerata. In più occasioni negli ultimi anni le autorità hanno provveduto a cancellare manifestazione ed eventi organizzati dalle associazioni gay e lesbiche. Tra le tante, Mr Gay, sfilata di bellezza che ha fatto

Baogao: se il Tibet brucia

Il 26 marzo il presidente cinese Hu Jin Tao è atterrato a Nuova Delhi per partecipare al vertice dei Brics, i paesi a rapida industrailizzazione. Ad accoglierlo non c’erano solo i capi di stato e di governo di Brasile, Russia, India e Sudafrica ma anche una nutrita manifestazione contro la repressione cinese in Tibet. Tra

Passpartù 31: la Cina che viaggia

In questa puntata di Passpartù, completamente dedicata alla comunità cinese, cercheremo di capire gli spostamenti e le migrazioni della popolazione più numerosa del mondo. Lo faremo insieme a Villi Hermann, regista del film “From somewhere to nowhere”,  Marco Wong, ragazzo cinese nato in Italia, e Irene Panozzo, scrittrice e giornalista. In chiusura, come sempre, Ritmi,

Censure cinesi

La Cina torna a censurare i siti internazionali. Le versioni cinesi della Bbc e di Voice of America, visibili negli ultimi mesi con una certa continuità, non sono più consultabili. Alle richieste di spiegazione della Bbc, Pechino ha risposto che la censura sarebbe stata resa necessaria perchè tali siti parlano di “due Cine”, quella di

Pena di morte: più esecuzioni ma meno esecutori

Sono diminuiti i Paesi che praticano la pena di morte nel mondo, 9 in meno in quest’ultimo anno e mezzo, ma sono aumentate le esecuzioni. E’ il dato contradddittorio che emerge dal rapporto 2008 dell’Associazione Nessuno Tocchi Caino, presentato giovedì 24 luglio a Roma. I dati mostrano che, ad oggi, sono 49 i Paesi che

Abiti puliti per le olimpiadi di Pechino

Lavorano in condizioni disumane gli operai che producono gadget e prodotti tessili per le olimpiadi di Pechino 2008. Il rapporto “Vincere gli ostacoli“, realizzato da Play Fair Campaign 2008, attraverso 300 interviste ai lavoratori del settore tessile e del cuoio di Cina, India, Tailandia ed Indonesia, squarcia il velo sullo sfruttamento cui sono sottoposti gli

Top