Blog Archives

Passpartù 30: Gli imprenditori della paura

La politica migratoria è diventata l’argomento principale della campagna elettorale in vista delle ormai imminenti elezioni europee. L’ondata xenofoba a cui assistiamo non è paura del diverso, ma il frutto di un preciso disegno politico. E se i media puntano i riflettori sui respingimenti in Mediterraneo, non fanno notizia le azioni attuate nell’Adriatico, dove accadono

Passpartù 21: sopravvivere a Patrasso

Il 2 marzo davanti al porto di Patrasso, Grecia, un tir pronto a imbarcarsi verso l’Italia ha investito un ragazzo afgano ferendolo al torace e riducendolo al coma. Chi ha assistito alla scena ha dichiarato che non è stato un incidente, ma che il camionista ha investito volontariamente il giovane. Dopo questo avvenimento Patrasso è

Passpartù 13: il valore della vita

Un’inchiesta sul viaggio dei giovani afgani da Kabul alle frontiere europee. Oggi ripercorriamo la lunga strada che separa l’Afghanistan dall’Italia. Lo facciamo attraverso la voce di Andrea Nicastro, giornalista del Corriere della sera che ha effettuato questo tortuoso viaggio insieme ai rifugiati afgani.

Il diario afgano di Emanuele Giordana

“Shabana, una ballerina nota nella North Western Frontier Province del Pakistan, e’ stata uccisa a pistolettate da un gruppo di killer che si erano finti impresari che volevano scritturarla. Il corpo dell’artista è poi stato esposto nel centro di Mingora, una località (un tempo) nota ai turisti nella (ridente) valle dello Swat, appena a ridosse

Passpartù 12: Afghanistan – Italia: ultima fermata

Un giovane afgano che oggi vive a Roma, racconta il suo viaggio per arrivare in Italia. Iran e Turchia a piedi e poi l’Adriatico in nave nascosto sotto un tir. Un itinerario comune a tutti i migranti afgani che si spostano in Occidente. In questa puntata di Passpartù, la prima del 2009, parleremo dell’ultima tappa

Viaggio in ascensore

Quando due persone di culture diverse si incontrano, non sempre sono assalite dalle stesse curiosità . Accade poi che dietro alle storie di chi ha vissuto trascorsi di vita tortuosi, si cela un animo semplice, e un desiderio sereno di tranquillità. Pubblichiamo qui di seguito un racconto che parla di un incontro tra un ragazzo

Diario da Kabul

“Cade la neve su Kabul ma dura poco. Qui si vive una vita effimera come la neve di quest’anno. Due sere fa la guerriglia ha tirato tre razzi su un posto di polizia vicino all’Intercontinental, alla periferia Nord della città. Ma quelle armi artigianali e imprecise, spesso azionate con un timer, han beccato una casa

Afghanistan: 19 punti per uscire dalla guerra.

Una delegazione dei principali forum e coordinamenti di associazioni e Ong afgane, incontra oggi i firmatari di “Afgana“, piattaforma italiana sul conflitto in Afghanistan. Afgani e italiani, che si erano riuniti nel gennaio scorso a Kabul, sono a Roma per presentare una piattaforma comune in 19 punti per superare il conflitto  e  ridare priorità alla

Afghanistan: giovane giornalista condannato a morte

un giovane giornalista 23enne afghano, collaboratore del quotidiano locale Jahan-i Naw (Mondo Nuovo), è stato recentemente condannato a morte per blasfemia cotnro l’Islam. Lo ha deciso la corte di una provincia di Balkh, conclusione di un processo farsa, nella provincia di Balkh, nell’Afghanistan settentrionale, al termine di un definito “processo farsa”. Contro questa decisione, l’Associazione

Top