La prima tappa del viaggio nella Casa Museo: l’ingresso

foto02

Il percorso della Casa Museo dello Sguardo sulla Disabilità inizia dall’ingresso. Questa stanza è raccontata nella prima tappa di “Se queste mura parlassero”, un audio documentario sonoro a cura di Amisnet, in collaborazione con la Casa Museo dello Sguardo sulla disabilità.

Zona di passaggio, posta tra l’entrare e l’uscire, tra il dentro e il fuori, l’ingresso non per questo è da trascurare. Anzi, se ci mettiamo nei panni dei nostri ospiti, è proprio questa la prima stanza che li accoglie, e si sa, è la prima impressione quella che conta. E lo stesso discorso vale anche per quando stiamo uscendo, per come siamo vestiti o come stiamo d’umore, ed è forse per questo che, all’ingresso, un specchio ci sta sempre bene. Un’occhiata veloce o uno sguardo di conferma, e via, si è pronti per uscire. L’ingresso dunque può essere una buona metafora, la prima in questo percorso, per riflettere sull’impressione che lo sguardo altrui ha di noi, della nostra immagine, e sulle sue conseguenze. Non necessariamente da un punto di vista estetico, ma anche relazionale, professionale, sociale.

La prima puntata di Se queste mura parlassero è stata pubblicata il 23 settembre sul sito di Redattore Sociale. Nella seconda, online dal 25 settembre, ci sposteremo in soggiorno.

Related posts

Top