La geografia che mente

geografiapersuasiva

La chiamano “cartografia persuasiva”. E’ l’alterazione della percezione del mondo attuata attraverso le carte geografiche, un fenomeno che raggiunse il suo apice nella Seconda guerra mondiale ma che ancora oggi esiste.

Ascolta Terranave:

“Le carte mentono sempre, perchè sono delle mappe, e in quanto tali sono solo una rappresentazione della realtà” spiega Walter Cozzolino, insegnante di filosofia e scienze umane “ma nella storia questa caratteristica delle mappe è stata strumentalizzata a fini politici o per motivi di sicurezza”. Nella seconda guerra mondiale per esempio gli inglesi costruirono una mappa completamente falsa delle aspirazioni dei tedeschi rispetto alla spartizione successiva del mondo, la carta è stata utilizzata da Roosevelt per convincere il congresso ad entrare in guerra. “Ancora oggi avvengono strumentalizzazioni delle mappe, è accaduto proprio recentemente quando era necessario ridefinire i confini della Serbia e della Croazia”.

Nel 1973 lo storico tedesco Arno Peters disegnò una mappa che egli stesso definì a “proiezione equivalente”. Secondo lo storico la sua carta, a differenza di quelle precedenti, conservava la dimensione corretta delle nazioni. Della mappa di Peters si avvale l’Atlante delle guerre e dei conflitti del mondo; giunto alla sua sesta edizione, il volume, edito da Terra Nuova Edizioni, racconta i conflitti del nostro pianeta attraverso decine di contributi di giornalisti, fotografi e attivisti italiani e internazionali.

Ospiti della puntata:

Walter Cozzolino, insegnante di filosofia e scienze umane
Edoardo Boria, ricercatore e collaboratore di Limes
Raffael Crocco, curatore dell’Atlante delle guerre e dei conflitti del mondo

Terranave

Terranave è un programma di Marzia Coronati
Alla selezione musicale: Frank Dopo Mezzanotte

Per informazioni o consigli scrivete a radioterranave@gmail.com

Terranave è trasmessa e diffusa da:

Radio Flash (Torino, 97.6) martedì 15 (replica martedì 20,00)
Radio Indygesta (Web Radio)
Radio Onda d’urto (Brescia, Cremona, Piacenza, 99.6) mercoledì 12,30
Basilicata Radio 2 (Potenza, 93.5) martedì 20,35
Radio Ciroma (Cosenza, 105.7) giovedì 17,00
Radio Onde Furlane (Udine, Pordenone e Gorizia, 90.0) sabato 17,30
Radio Beckwith (Torino, Cuneo, 87.8, 96.55) martedì 20,00 (in replica venerdì 7,00)
Radio Sonar (web radio) martedì 15,00
Radio Città Fujiko (Bologna, 103.1) lunedì 13,30
Radio Gold (Alessandria, 88.8, 89.1)
Radio Roarr (Web Radio) Mercoledì 18,00
Radio Booonzo (Web Radio) Venerdì 16,30

Wwoof Italia
Comune – info
L’Italia che cambia

 

2 Comments

  1. Enrico said:

    Penso, da geografo, che la carta di Arno Peters sia proprio un caso di carta persuasiva, perché una gran parte delle persone che ne promuovono l’uso sono stati persuasi del fatto che la cartografia sia stata tutta colonialista, e questo è evidentemente non vero. La cartografia è comunque anche tecnica. Se Mercatore ha fatto una cartografia non equivalente è stato perché serviva una cartografia che mantenesse inalterati gli angoli, per navigare seguendo una rotta. E le carte equivalenti come ci dice Boria esistevano da ben prima di Peters, e oggettivamente molto più realistiche.

    • Marzia Coronati said:

      Grazie mille Enrico. La sua tesi è sostenuta da molti degli esperti che abbiamo contattato per quell’approfondimento. Buona giornata.

Comments are closed.

Top