Che fine hanno fatto i migranti meridionali degli anni ’60?

arrivi_2

 

Sono passati quasi 60 anni dalle migrazioni interne del secolo scorso ma ancora il divario tra emigranti meridionali e società ospite è grande e le seconde generazioni italiane hanno difficoltà più simili a quelle dei loro coetanei stranieri che a quelle dei giovani piemontesi. Passpartù tenta di comprendere le motivazioni di questa situazione e le aspettative per il futuro?

Il nostro viaggio comincia da Torino dove con l’aiuto di Anna Badino capiremo come le difficoltà dei figli degli emigrati degli anni ’60 si ripercuotono soprattutto sul piano scolastico, con tutto quello che questo determina: abbandono degli studi, disaffezione al sistema scuola, bassi di livello di istruzione.
Parallelamente però faremo un discorso più ampio cercando di raccontare un fenomeno, quello della mobilità delle persone interna all’Italia, che il più delle volte pensiamo confinato alla metà del secolo scorso. Scopriremo invece che le persone continuano a spostarsi ancora oggi all’interno dei confini nazionali e Michele Colucci, ricercatore presso il CNR, ci spiegherà le caratteristiche di questo movimento che non si è mai veramente esaurito.

Ospiti della puntata:
Michele Colucci, Ricercatore del CNR
Anna Badino, Ricercatrice Università di Torino

Passpartù:
Per saperne di più
sulle migrazioni interne consultate il sito migrazioninterne.it
Passpartù, la radio a porte aperte è un programma a cura di Marco Stefanelli
Per notizie, suggerimenti e commenti scriveteci a: passpartuitalia@gmail.com

Passpartù è trasmesso da:
Radio Onde Furlane (Udine e Gorizia, 90.0) sabato 11.00
Radio Fragola (Trieste 104.5 – 104.8) domenica 10.40
Radio Onda d’urto (Brescia, Cremona, Piacenza, 99.6) sabato 9.30
Radio Beckwith (Torino) sabato 8.00 (in replica martedì 7.00)
Radio Flash (Torino 97.6) venerdì 15.00 (in replica venerdì 20.00)
Radio Città Fujiko (Bologna, 103.1) sabato 8.00
Radio Città Aperta (Roma, 88.9) sabato 11.00
Basilicata Radio 2 (Potenza 106.6, Matera e Taranto 93.8) venerdì 20.35
Radio Dirittozero (Web) martedì 20.00
Radio ROARR (Web) mercoledì 18.30
Radio Sonar (Web) mercoledì 15.30

Related posts

Top