#9 Malta: l’isola indesiderata

Malta è un’isola che si raggiunge per sbaglio, piazzata nel mezzo delle rotte migratorie che dalla Libia sono dirette verso l’Italia i migranti che vi arrivano nella quasi totalità dei casi sono stati intercettati dalla marina militare maltese mentre viaggiavano verso una meta più lontana.

Ascolta la nona di Questo mare è di piombo:

Malta diventa così l’isola sulla quale non volevano arrivare, nella quale non sono voluti e dalla quale però non possono andarsene.
Richiedenti asilo e titolari di protezione umanitaria rimangono così per anni in un limbo fatto di mancanza di documenti, difficoltà d’inserimento sociale, discriminazione.
Una pressione psicologica immane che può arrivare ad annientare persone già vittime di un viaggio lungo e difficile del quale, alla fine, hanno sbagliato l’arrivo.

L’isola di Malta è ancora la nona tappa di Questo mare è di piombo, un percorso sonoro sulle sponde del Mediterraneo realizzato da Amisnet nell’ambito del progetto “Across the sea”,con il contributo della Anna Lindh Foundation e in partenariato con il Servizio Civile internazionaleActive visionGeminarie groupAsociacion pro Derechos Humanos de Andalucia

Questo mare è di piombo è la storia collettiva di alcune delle rotte che attraversano il Mediterraneo raccontata da migranti, guardie di frontiera, pescatori e trafficanti. Un audio reportage in 12 tappe, che si snoda lungo i confini, i centri di detenzione, i porti secondari e le tante terre di nessuno disseminate sulle coste. Luoghi in cui il tempo è sospeso e i migranti restano in attesa di una porta che si apra per poter passare alla tappa successiva. Dall’enclave spagnola di Melilla, al centro di Masra a Malta passando per il porto di Zarzis in Tunisia e poi la Libia, il Sinai e il confine con Israele.

Dal 18 marzo fino al 3 giugno ogni martedì i 12 audio-cortometraggi saranno pubblicati su Redattore sociale e a seguire su Amisnet.

Related posts

Top