Hackers – con le mani nella rete – Parte 2 di 2

hackers11

Seconda di due parti. Per riascoltare la prima parte clicca qui.

Sulla definizione di hacker da anni c’è una vivace discussione, fuori e dentro la rete. Certamente influenzata anche dagli stereotipi e dall’immaginario creati dal cinema e dai media, che amano descrivere sempre questa figura come un abitante delle tenebre digitali ignorando il fatto che gli hackers, oggi, lavorano praticamente ovunque, perché l’informatica e i sistemi di rete caratterizzano qualsiasi attività economica e sociale umana.


Certo, la comunità hacker non è una associazione rigida, non ha regole, non ha un’unica forma né un unico obiettivo. In questo viaggio nel mondo hacker scopriamo che esistono alcune caratteristiche comuni a personaggi che appartengono a diverse generazioni: sono tutti curiosi, sono appassionati e molto socievoli. Certo, preferiscono una comunità globale a quella del bar sotto casa, e per questo non conoscono orari né parlano una sola lingua: si scambiano codice, idee, spunti per risolvere problemi di ottimizzazione e di gestione delle informazioni cercando sempre soluzioni eleganti e semplici. Perché al di là del pensiero comune, l’hacker ama stare in rete, con gli altri, ritrovarsi con i propri simili, discutere e affrontare sfide collettive, siano quelle del gioco di ruolo, dello sviluppo di un programma, di una hackathon, una maratona di sviluppo che può durare anche giorni interi. E, soprattutto, l’hacker ha una sua etica fortissima, libertaria, non necessariamente compresa in sistemi di regole stringenti. E’ perlopiù spinto dalla voglia di aprire la conoscenza e farla circolare, di mettere a disposizione strumenti per poter fruire dell’universo di opportunità e di risorse che Internet mette a disposizione fino a rendere le persone consapevoli del fatto che anche se non ce ne rendiamo conto c’è chi usa la nostra inconsapevolezza e ingenuità nel modo di stare in rete e di usare tutti i nostri dispositivi, dal tablet allo smartphone fino alla domotica, per raccogliere informazioni su di noi e usarle a vario titolo: controllo politico, strategico o semplice scopo commerciale.
Audio doc andato in onda su Radio3, Tresoldi, nella settimana 14-17 gennaio 2014

 

Hachers – con le mani nella rete
Un audio-documentario di Elisabetta Tola
Giornalista e comunicatrice scientifica. Insegna Comunicazione Scientifica, Multimedia, Radiofonia e, da un anno, Data Journalism in diverse scuole di giornalismo e comunicazione. Ha fondato l’agenzia di comunicazione scientifica Formicablu, con sede a Bologna e Roma, e coordina progetti che sperimentano strumenti e linguaggi cross mediali per la comunicazione tra scienziati, gruppi di interesse e la società civile. Dal 2005 è una delle voci del quotidiano di scienza Radio 3 Scienza di Radio 3. Fa parte della squadra che cura e conduce il settimanale radiofonico Pensatech in onda su Radio Città del Capo di Bologna, collabora con Wired e altre testate online e cartacee e con la casa editrice Zanichelli. Ha collaborato con Guido Romeo al progetto iData della fondazione Ahref e ha fondato nel 2012 il sito datajournalism.it. Attualmente sta sviluppando il progetto crossmediale Feeding the planet, cultivating diversity, in collaborazione con Wired Italia e Rai Radio3, per il quale ha ricevuto la Innovation and Development Reporting grant dell’European Journalism Center con il supporto della fondazione Bill e Melinda Gates.

Gli hacker e gli appassionati di informatica che ci accompagnano in questo ciclo sono:
Michael Schrenk – @mgschrenk
Alessio Pennasilico aka “Mayhem” – @mayhem
Marco Calamari – marcoc.it
Carlo Gubitosa – @carlogubi


Doc
 è trasmesso da:

Radio Flash (Torino, 97.6) lunedì 15.00 – replica lunedì 20,00
Radio Kairos (Bologna, 105.85) mercoledì 13,00 – replica sabato 19.00
Radio Onde Furlane (Udine – Gorizia 90.0) sabato 15.00 – replica sabato 01.00 (notte)
Radio Città Fujiko (Bologna, 103.1) domenica 08,30
Radio Ciroma (Cosenza 105,7) lunedì 17.0o
Novaradio (Firenze, Mugello, 101,5) sabato 24.00 – replica giovedì 23,00
Radio Popolare Salento
Radio Sonar (web)

 

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported.

 

Related posts

Top