La storia di Rodriguez

eclettica25ok
“Sono ritornato alla lingua inglese per gli sprazzi di immagini” scrive l’autore di Eclettica Giulio Caperdoni “e per di più non di un film, ma di un documentario vincitore anche dell’Oscar. Ma non è questo il motivo per cui l’ho scelto. L’ ho scelto perchè racconta la bella storia di Rodriguez, di cui nei mesi scorsi avete avuto modo di ascoltare le sue vecchie canzoni, e perchè nel raccontarla tocca le nostre corde più intime, come quando percepiamo la vera emozione nella voce delle sue figlie”. Ed è per questo che, ovviamente non a caso, John Hiatt canta nel Profumo di vinile di questa settimana: “…you see time, time is our friend…”. Le letture di questa settimana sono tratte dall’esilarante libro di Douglas Adams, “Guida galattica per autostoppisti”.
Ascolta Eclettica:
 
In questa puntata:

Sky of Birds “collide”
San Fermin “daedalus (what we have)”
Eels “mistakes of my youth”
Deadman “blue mud bay”
Bottega Glitzer “tutte queste cose”
Dan Sartain “pass this on”
Lume “domino”
Il Re Tarantola “i nipoti dei fiori”
Neneh Cherry “across the water”
Profumo di Vinile: John Hiatt “have a little faith in me”
Le immagini: Searching for Sugar Man di Malik Bendjelloul
Le letture: La guida galattica per gli autostoppisti di Douglas Adams

Per saperne di più su Eclettica, clicca qui

Related posts

Top