Accoglienza made in Italy. Luci e ombre di un sistema.

Keith-Haring2Lo SPRAR, il servizio nazionale di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, ha, da gennaio, quadruplicato i posti all’interno dei suoi progetti da 3.000 a 13.000. Ma se, a livello nazionale, non esistono poi seri percorsi di inserimento socio-lavorativo per chi è arrivato in Italia o quando trovare un lavoro e una casa decenti diventa impossibile, la domanda è d’obbligo: che tipo di accoglienza stiamo fornendo a chi riesce, dopo mille difficoltà, a raggiungere il nostro Paese?

Ecco allora che si moltiplicano le occupazioni a scopo abitativo, non ultima quella di Piazza Indipendenza a Roma.
Qui vivono da oltre quattro mesi rifugiati e titolari di protezione internazionale, scappati da guerre e persecuzioni.
Lo scorso 18 ottobre hanno occupato come Coordinamento cittadino di lotta per la casa, un immenso edificio di otto piani nel cuore della Capitale e cercano, da qui, di riprendersi quei diritti che un’accoglienza frettolosa e massiva non gli ha garantito, un’accoglienza fatta nei maxi centri per richiedenti asilo chiamati CARA.
L’altra faccia della medaglia dell’accoglienza, sicuramente più luminosa della prima, è quella dello SPRAR. Un modello esaltato a livello europeo e che, nonostante alcune contraddizioni e diversi problemi, si propone non l’assistenzialismo puro nei confronti dei migranti ma il tentativo, più volte riuscito, di condurli verso una loro concreta autonomia.

Ospiti della puntata:
Daniela Di Capua, Direttrice Servizio Centrale SPRAR
Tsigab, Occupante di Piazza Indipendenza
Elleny, Coordinamento Cittadino Lotta per la Casa

Passpartù:
Per consultare l’Atlante SPRAR 2012/2013 clicca qui
In redazione questa settimana: Ciro Colonna
Passpartù, la radio a porte aperte è un programma a cura di Marco Stefanelli
Per notizie, suggerimenti e commenti scriveteci a: passpartuitalia@gmail.com

Passpartù è trasmesso da:
Radio Onde Furlane (Udine e Gorizia, 90.0) domenica 10.00 (in replica lunedì 19.00)
Radio Fragola (Trieste 104.5-104.8) domenica 10.40
Radio Onda d’urto (Brescia, Cremona, Piacenza, 99.6) sabato 9.30
Radio Beckwith (Torino) martedì 14.30 (in replica domenica 9.30)
Radio Flash (Torino 97.6) venerdì 15.00 (in replica venerdì 20.00)
Radio Città Fujiko (Bologna, 103.1) sabato 7.30
Radio Kairos (Bologna, 105.85) sabato 13.30 (in replica martedì 19.00)
Radio Città Aperta (Roma, 88.9) sabato 10.50
Radio Ciroma (Cosenza 105.7) venerdì 17.00
Radio Incontri (Cortona, Arezzo, Montepulciano, 88.4-92.8) mercoledì 7.30
Radio Dirittozero (Web) martedì 19.30
Radio Sonar (Web)

Related posts

Top