Terre di Puglia – Parte 2 di 2

Adattamento delle prime tre puntate dell’inchiesta Terre di Puglia, trasmesse rispettivamente il 26 aprile, il 2 e il 9 maggio 2011 da RadioArticolo1. Seconda di due appuntamenti. Per riascoltare la prima puntata clicca qui.

Quest’inchiesta prova a indagare i mutamenti del lavoro agricolo in Italia dall’Unità a oggi partendo da Sud. In particolare qui è la Puglia bracciantile degli ultimi due secoli a raccontarsi, crocevia costante di storie migrate da e verso altri Sud agricoli, non solo del Paese. Puglia che in questi anni è stata sede di cattivi esempi di lavoro agricolo “globalizzato”. Un lavoro prodotto dal super-sfruttamento dei braccianti, per lo più immigrati. Li chiamano stagionali, ma prestano la loro opera tutto l’anno. Per pochi euro, su attività insicure controllate dai caporali. Le prime tre puntate dell’inchiesta documentano i singolari e tragici casi di lavoro agricolo globalizzato che dal 2005 fino al 2007 hanno piagato il Tavoliere pugliese, mostrando il volto di un nuovo made in Italy, figlio della modernità e del business criminale. Con braccianti, per lo più provenienti da paesi della nuova Europa, tenuti in casolari diroccati dai proprietari terrieri (italiani) e dai loro caporali (spesso connazionali dei lavoratori sfruttati). Costretti a orari massacranti e controllati con le armi. Maltrattati, picchiati se si fermavano o tentavano di scappare. Truffati sul compenso, che gli estorcevano per le spese. Più i soldi per il viaggio da e verso casa, quando il ritorno c’è stato. Molti lavoratori che hanno provato a ribellarsi sono scomparsi. Altri sono morti in circostanze misteriose. Altri ancora non hanno retto i ritmi di lavoro. Questi fatti nel giugno 2007 hanno portato la procura di Bari ad aprire un processo per riduzione in schiavitù e tratta di esseri umani a carico di 19 caporali, tra i quali 16 polacchi, un ucraino, un algerino e un italiano. In primo grado, il 22 febbraio del 2008, vengono condannati a 10 anni di reclusione tutti i capicellula, cioè i caporali veri e propri. Gli altri – autisti, sorveglianti, guardaspalle – prendono chi 4 anni chi 4 anni e 8 mesi. Una sola assoluzione, per l’autista Teresa Bielak, e un non luogo a procedere per un imputato morto poco prima della sentenza. Sei anni di reclusione invece per Wnuk, il caporale pentito, che ha goduto solo delle attenuanti generiche. Le condanne vengono confermate nel processo d’appello nel 2009, e definitivamente dalla Cassazione nell’autunno 2010. È la prima volta che in Italia che questi reati vengono applicati all’ambito lavorativo.

Terre di Puglia
In questo viaggio, tra passato e presente agricolo del Paese, ci accompagnano lavoratrici e lavoratori della terra. Con loro storici, sociologi, scrittori, antropologi, giornalisti, sindacalisti. Tra gli intervistati, Piero Bevilacqua, Leandra D’Antone, Rita Dileo, Goffredo Fofi, Alessandro Leogrande, Maura Palazzi, Enrico Pugliese, Giovanni Rinaldi, Ansalda Siroli.
Terre di Puglia ha vinto il premio Marco Rossi nel 2011

Testi, regia, montaggio e voce narrante di Terre di Puglia sono di Ornella Bellucci.
Ornella Bellucci (Taranto, 1971) vive a Roma. Giornalista professionista, socia di Audiodoc, collabora con Lo Straniero, Radio3, Il
Manifesto, RadioArticolo1, Rassegna sindacale. Per Primavera Radio / Popolare Network ha curato le inchieste Lavorare
stanca, Storie da un cpt, Mondo donna nel quartiere. Ha collaborato alle inchieste Operai e Il caso Melfi di Radio
Popolare. Per Radio3 ha realizzato i documentari Il pane di domani. A quarant’anni dal Vangelo di Pasolini, Un volto che
ci somiglia. L’Italia di Carlo Levi, Un secolo con Moravia, Terre emerse, Il male dentro, Suoni da Levante, Kater I Rades.
Il naufragio che nessuno ricorda. Attualmente cura la regia del programma Passioni, trasmesso da Radio3. Ha pubblicato
racconti e vinto diversi premi giornalistici con le sue inchieste e i suoi documentari, tra cui il documentario Democrazia
sconfinata vince il premio Memoria storica alla quindicesima edizione del Valsusa Filmfest (2011).

Doc è trasmesso da:

Radio Flash (Torino, 97.6) lunedì 15.00 – replica lunedì 20,00
Radio Kairos (Bologna, 105.85) mercoledì 13,00 – replica sabato 19.00
Radio Onde Furlane (Udine – Gorizia 90.0) sabato 15.00 – replica sabato 01.00 (notte)
Radio Città Fujiko (Bologna, 103.1) domenica 08,30
Radio Ciroma (Cosenza 105,7) lunedì 17.0o
Novaradio (Firenze, Mugello, 101,5) sabato 24.00 – replica giovedì 23,00
Radio Popolare Salento
Radio Sonar (web)

 

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported.

 

 

Top