L’Alchimista: la controfinanziaria

Come ogni anno la Campagna Sbilanciamoci propone la propria contro-finanziaria. Un articolato complesso che sottopone alla classe politica e a tutti soluzioni radicalmente differenti da quelle individuate dal governo Letta.

La contro proposta si sviluppa su due assi principali, entrate e spesa pubbliche. “Grazie a una tassazione più progressiva e al taglio della spesa pubblica sbagliata – commenta Grazia Naletto, presidente della Cooperativa Lunaria, membro della campagna – possiamo reperire risorse tali da sostenere una legge di stabilità molto più consistente di quella ufficiale, dai circa 15 a ben 26 miliardi di euro”.
L’entità della contromanovra parla dell’intenzione di sostenere l’economia e il lavoro potenziando la spesa pubblica. “Abbiamo bisogno di un grande piano per il lavoro, ma anche di investimenti sulla cultura, sul welfare e sul sostegno al reddito” – sottolinea Grazia Naletto.
Altro punto qualificante la contro-manovra è il fatto di rimanere dentro i parametri dettati dall’Europa, pareggio di bilancio e riduzione del deficit in testa. “Sono vincoli molto stringenti – commenta  Claudio Gnesutta, già docente di Economia Politica alla Sapienza di Roma – ma all’interno di essi è possibile trovare modi completamente differenti, e lo stiamo dimostrando!”
Uno degli obiettivi dell’operazione è far pressione sul parlamento italiano affinchè assuma in corsa alcune delle soluzioni suggerite dalla campagna, correggendo la manovra al varo. Alla presentazione del testo, il 28 novembre a Roma, erano presenti numerosi parlamentari, provenienti da SEL, come dal PD e dal M5S. “Ovviamente non basta fare pressioni sulle istituzioni, siamo di fronte a un blocco di potere – conclude Grazia Naletto – servono conflitti sociali forti e capaci di condizionare l’iniziativa politica”.

Parallelamente è stata presentato lo stato dell’arte della Campagna 005, che ha tra i principali obiettivi l’introduzione di un’imposta europea sulle transazioni finanziarie.  “In Europa il parlamento si è espresso favorevolmente più di una volta – racconta Leonardo Becchetti, ordinario di Economia Politica a Torvergata, Roma – ma le lobby stanno scatenando la propria controffensiva”. Storicamente avversata dalla Gran Bretagna, che tra l’altro applica sul proprio territorio una misura analoga, oggi le sorti della legge sono in mano di una procedura rafforzata tra 11 stati dell’Unione. La procedura porterebbe all’approvazione della legge e alla sua validità limitatamente agli stati firmatari. Pende su questo processo un ricorso inoltrato proprio dal Regno Unito che contesta il fatto che una volta approvata la legge condizionerebbe anche gli stati che non la hanno promossa. “Ricorso infondato – sostiene Leonardo Becchetti – dato che all’interno dell’Europa a 28 già esistono situazioni fiscali molto diverse, e queste si influenzano a vicenda”.

Ospiti della trasmissione:

-Grazie Naletto, Coop Lunaria – Campagna Sbilanciamoci
-Claudio Gnesutta, già docente di Economia Politica alla Sapienza – Campagna Sbilanciamoci
-Leonardo Becchetti, docente di Economia Politica Univ. Torvergata – Campagna 005

L’Alchimista

Un programma a cura di Ciro Colonna.

L’Alchimista viene trasmesso da:

Radio Citta Fujiko,  la domenica alle ore 08.00
Radio Beckwith, il lunedì alle ore 14.30 e in replica il venerdì alle ore 10,00
Radio Flash, il martedì alle ore 15.00 e in replica il martedi alle ore 20.00
Radio Kairos, il mercoledì alle ore 14,30 e in replica il sabato alle ore 19.30
Radio Onde Furlane, il sabato alle ore 14.00
Radio Asterisco, il martedi alle ore 11.00 e alle ore 21.00 e il giovedì alle ore 10.00 e alle ore 16.00
Radio Gold  (Alessandria, 88.8)
-Radio Sonar
 (web)
-Radio Popolare Salento

 

 

 

Top