Terranave 34: Energia trasparente

petrolio Dove è prodotta l’energia che arriva nelle nostre case? E come è prodotta? Ci sono migliaia di persone che da diverso tempo ormai hanno optato per un consumo consapevole di questo bene, acquistando energia prodotta da fonti sostenibili e investendo in progetti di produzione a impatto zero. Ma i governi europei non sembrano ancora andare in questa direzione.


Non serve solo una transizione verso un’altra economia verde, ma verso altre forme di economia e società“. Non è tutto verde quel che luccica, Recommon

 

 Clicca qui per ascoltare la puntata o utilizza il player in fondo alla pagina

Secondo i dati raccolti dall’associazione Recommon, a livello mondiale dal 2000 c’è stata una crescita significativa di nuovi investimenti in produzione di energia da fonti sostenibili, con un tasso di aumento annuo del 50%, investimenti che secondo le Nazioni Unite avranno una ricaduta fortemente positiva in termini occupazionali: le sole energie rinnovabili potrebbero generare in futuro più posti di lavoro dell’industria dei combustibili fossili. E’ necessario però distinguere tra le varie economie cosiddette “verdi”, spesso infatti i propagandisti di queste nuove strategie sono gli stessi attori dell’economia finanziarizzata: Goldman Sachs, City Group, JP Morgan Chase sono solo tre dei principali gruppi finanziari coinvolti in aziende che investono in progetti che dovrebbero avere una ricaduta positiva sull’ambiente, gli stessi investitori attivi nel mercato dei crediti di carbonio e capofila di progetti sfociati in vere e proprie devastazioni ambientali. Ci sono poi quelle realtà che tentano di rompere con i processi economici del passato, provando a rifondare economie intorno alla promozione dei beni comuni e cambiando strutturalmente le cause che ci hanno condotto alla crisi.

La cooperativa Retenergie è nata nel 2008, in provincia di Cuneo. Retenergie produce energia da fonti rinnovabili per un totale di 550mila kilowattora all’anno, prodotti da sette impianti fotovoltaici realizzati grazie all’apporto del capitale sociale. La cooperativa oggi ha circa seicento soci, di cui 170 ricevono l’energia dei suoi stessi impianti. Inoltre Retenergie attua operazioni di risparmio energetico, attraverso  attraverso l’ottimizzazione della gestione degli impianti esistenti nelle abitazioni e la diffusione di buone pratiche.

L’interesse verso un consumo consapevole dell’energia è crescente, ne sono prova le numerose esperienze nate attorno alla produzione e all’acquisto, Altro Consumo ad esempio ha lanciato un’iniziativa di acquisto di gruppo di energia elettrica e gas, una volta costituito il gruppo tutti i fornitori di energia presenti in Italia verranno contattati al fine di partecipare a un’asta prevista dal gruppo stesso. I governi europei non sembrano però andare nella stessa direzione. A fine maggio il Consiglio Europeo ha discusso i nuovi piani  di sviluppo energetico, ne è emersa una grossa enfasi rispetto alla costituzione del mercato del gas e anche un sostegno politico evidente alla continuazione dell’estrazione del gas di scisto, estratto dagli scisti bituminosi attraverso una tecnica di fratturazione (fracking) più volte ritenuta pericolosa per l’ambiente a causa delle emissioni di gas a effetto serra e la contaminazione delle acque che ne deriva. L’Italia, grazie alla sua posizione strategica, è una delle aree individuate come hub energetico: importerebbe gas liquefatto via nave, lo rigassificherebbe attraverso i cosiddetti rigassificatori ed esporterebbe quindi il surplus verso l’Europa. Ad oggi sono due gli impianti di rigassificazione in funzione: uno a Panigaglia, in Liguria e un altro a Rovigo, ma almeno altri sei sono in fase di progetto.

 

Clicca qui  per ascoltare Tormentilla, la rubrica sul benessere naturale a cura di Lianka Trozzi

Ospiti della puntata:

Marco Mariano, Cooperativa Retenergie
Elena Gerebizza, Associazione Recommon

In redazione: Lianka Trozzi, Marco Stefanelli

Terranave è un programma a cura di Marzia Coronati

Proponete la vostra alternativa a radioterranave@gmail.com  

Terranave è trasmesso da:

Radio Popolare Roma  (Roma, 103.3)  domenica 9,30
Radio Flash (Torino, 97.6)  giovedì 20,00
Radio Kairos (Bologna, 105,85)  sabato 13,00
Radio Città Fujiko (Bologna, 103.1) domenica 13,30
Radio Indygesta (Web Radio)
Radio Onda d’urto (Brescia, cremona, Piacenza, 99.6) mercoledì 13,00
Radio Ciroma (Cosenza, 105,7) martedì 19,30

 

Immagine di Napoli Monitor

Top