Efiubò: Posso convertire la mia protezione umanitaria in permesso di soggiorno lavorativo?

impronta

In questa ottava puntata di Efiubò, lo sportello legale radiofonico, si continua a parlare di lavoro. A rispondere ai quesiti sarà ancora una volta la dottoressa Caterina Bove.

Clicca qui per ascoltare la rubrica o usa il player in fondo alla pagina

Posso convertire la mia protezione umanitaria in permesso di soggiorno lavorativo? Mi conviene farlo? E se perdo il lavoro, in cosa posso riconvertire il mio permesso di soggiorno lavorativo?

Si, il permesso per protezione umanitaria può essere convertito in permesso di soggiorno lavorativo. Anzi, dopo un certo periodo di soggiorno in Italia è opportuno fare questa conversione, perchè la protezione umanitaria non potrà essere rinnovata per sempre. Se però perderai il lavoro non potrai riconvertire il tuo permesso di soggiorno lavorativo in un permesso per motivi umanitari; quello che potrai fare è chiedere un permesso per attesa occupazione (che ha la durata minima di un anno), oppure convertire il tuo permesso in un permesso per motivi familiari o per residenza elettiva (quest’ultimo viene concesso a chi usufruisce di una pensione e dimostra di poter vivere in Italia con questa risorsa economica).

Se non lavoro ho diritto a dei sussidi da parte dello Stato?

La riforma Fornero a partire dal primo gennaio 2013 ha istituito l’Aspi, l’assicurazione sociale per l’impiego. L’Aspi è un’indennità mensile che viene data solo a chi ha lavorato per più di 13 settimane e ha perso involontariamente la propria occupazione, quindi non spetta a chi si è dimesso o a chi ha terminato il rapporto di lavoro con una risoluzione consensuale.

Come faccio a conoscere la paga minima per il tipo di lavoro che svolgo?

In Italia non esiste una legge che definisce un salario minimo, ma per molte categorie di lavoro ci sono i cosiddetti contratti collettivi, cioè quei contratti stipulati tra i sindacati e i datori di lavoro. Se il lavoro che svolgi è inquadrato in una delle categorie previste dal contratto collettivo potrai fare riferimento a questo contratto. Per avere maggiori informazioni e chiarimenti ti consigliamo di rivolgerti a un sindacato.

 Come faccio a fare il venditore ambulante? Chi può aiutarmi a conseguire le licenze necessarie? Se non ho le licenze la polizia può sequestrarmi la merce?

Il commercio ambulante è regolato da leggi regionali, per cui le regole cambiano in base al territorio in cui risiedi. Per avere le informazioni necessarie ai fini dell’ottenimento della licenza dovrai rivolgerti al Comune dove lavorerai. E’ molto importante che ti munisci di questa licenza prima di iniziare a vendere, perchè senza di essa, in caso di controlli, potresti ricevere una multa molto salata e la tua merce potrebbe essere sequestrata.

Sull’argomento si consiglia di consultare anche la guida redatta da Meltingpot

 Se ho la protezione internazionale e ottengo una licenza come venditore ambulante il mio permesso di soggiorno si convertirà automaticamente in permesso di soggiorno lavorativo oppure potrò conservare la mia protezione?

Assolutamente no, la conversione automatica non è mai prevista. Il permesso per protezione internazionale consente di lavorare, per cui anche l’ottenimento della licenza non cambierà la tua posizione giuridica.

ENGLISH VERSION

VERSIONE FRANÇAISE

 

Efiubò è una rubrica radiofonica che risponde ai quesiti e ai dubbi legali dei migranti che vivono in Italia. Uscirà ogni quindici giorni a partire da oggi, 15 febbraio. Se hai anche tu dubbi o domande, scrivi a efiubo@gmail.com

 

 Efiubò è un progetto realizzato con il contributo dell’otto per mille della Tavola Valdese

Top