Terranave 26: Dopo la scuola

scuola2okTerranave torna nelle aule italiane, per raccontare l’esperienza del doposcuola autogestito dai genitori di una scuola di Roma, una risposta alle esigenze del territorio e un’alternativa alla scarsità di classi a tempo pieno. In chiusura a Tormentilla consigli per il benessere naturale.

“Una nazione che distrugge il proprio sistema educativo, degrada la sua informazione pubblica, smantella le proprie librerie pubbliche e destina le proprie onde radio a un intrattenimento stupido e dozzinale, diventa cieca, sorda e muta”. Chris Hedges

Clicca qui per ascoltare la puntata o utilizza il player in fondo alla pagina

Dal 2003, nel piano terra dell’istituto scolastico di Roma “Federico Di Donato”, coesistono palestre per attività ludiche e spazi per studiare, angoli di gioco per i bambini piccoli e laboratori per i più grandi. In stato di abbandono sino a dieci anni fa, lo spazio è stato restaurato e animato da un gruppo di genitori costituiti in associazione, con il sostegno del preside di allora Bruno Cacco. Aperta tutti i pomeriggi, anche il sabato e la domenica, l’associazione funziona grazie al volontariato e all’autogestione spontanea dei genitori e si sostiene attraverso l’autofinanziamento e piccoli contributi pubblici. Oggi questa realtà riesce anche a fare micro reddito, coinvolgendo alcune mamme, retribuite in cambio di alcune ore di lavoro. Quest’anno l’associazione offre anche un servizio di doposcuola per quei bambini che non sono rientrati nelle sezioni a tempo più pieno, diminuite a causa delle ultime riforme scolastiche.

La gestione Gelmini e la spending review del 2012 hanno sottratto alla scuola quindicimila posti di lavoro e 360 milioni di euro, oltre a ridurre le supplenze per docenti, personale amministrativo e collaboratori scolastici. La prima conseguenza: a scuola il tempo pieno non è più garantito come prima. Non solo, tra i servizi a saltare a seguito dei tagli, ci sono il sostegno per bambini in difficoltà e l’italiano lingua seconda per i bambini stranieri. Anche le attività fuori dall’aula scolastica (uscite, viaggi, gite) diventano un orizzonte e per i professori assentarsi per partecipare a incontri di formazione è molto difficile.

“Viviamo in uno strano paese” scrive Gerolamo Di Michele sul portale  Carmilla “dove se capita che un ragazzo con una felpa nera rompa per rabbia la vetrina di una banca si scatena il finimondo, con condanne unanimi e bipartisan: ma nessuno, a quanto pare, s’indigna se non contro una lastra di vetro, ma contro la coscienza morale e civile della nazione, contro il diritto all’istruzione, al libero pensiero, al futuro vengono lanciate quelle autentiche bottiglie molotov che sono le politiche scolastiche degli ultimi anni”.

 

Clicca qui per ascoltare Tormentilla, la rubrica sul benessere naturale a cura di Lianka Trozzi

Ospiti della puntata:

Anna e Francesca, Associazione genitori Di Donato
Paola, Doriana e Monica, insegnanti della scuola pubblica

In redazione: Lianka Trozzi, Ciro Colonna

Terranave è un programma a cura di Marzia Coronati

Proponete la vostra alternativa a radioterranave@gmail.com

 

Terranave è trasmesso da:

Radio Popolare Roma  (Roma, 103.3)  domenica 9,30
Radio Flash (Torino, 97.6)  giovedì 20,00
Radio Kairos (Bologna, 105,85)  sabato 13,00
Radio Città Fujiko (Bologna, 103.1) domenica 13,30
Radio Indygesta (Web Radio)
Radio Onda d’urto (Brescia, cremona, Piacenza, 99.6) mercoledì 13,00
Radio Ciroma (Cosenza, 105,7) martedì 19,30

 

Immagine di Napoli Monitor

Top