Efiubò. Come funziona la Commissione per la richiesta di asilo?

impronta        In questo primo appuntamento di Efiubò, l’avvocato Salvatore Fachile risponde alle domande di chi voleva sapere cosa accade quando si va a fare l’intervista di fronte alla Commissione per la richiesta dell’asilo. Di questo articolo è disponibile anche una versione in francese e una in inglese.

Clicca qui per ascoltare la rubrica o usa il player in fondo alla pagina

 

 

Da chi è composta la Commissione?

La commissione è  un organo di governo che è composto da quattro persone: un rappresentante della prefettura, un rappresentante della Polizia di stato, una persona nominata dall’ente territoriale e infine un rappresentante dell’Unhcr, l’Agenzia delle Nazioni unite per i Rifugiati. Mentre le prime due persone appartenono al mondo della polizia, le altre due sono lontane da quel mondo e dall’approccio investigativo.

 

Chi mi interroga?

In teoria ti dovrebbero interrogare tutti e quattro, ma è prassi comune che ti venga chiesto di essere ascoltato da una sola persona, aiutato dall’interprete. Questo tipo di prassi porta con se un’alta componente di pericolo, perchè potresti capitare con una persona poco preparata sulla situazione del tuo Paese. Tu potrai comunque chiedere di essere interrogato da tutta la Commissione e loro dovranno per forza accettare la tua richiesta, l’unica cosa che può accadere è che potranno posticipare la tua intervista a un altro giorno.

 

Chi prende la decisione finale?

La decisione è collegiale, presa all’unanimità o in maggioranza. Se è stata presa a maggioranza tu hai diritto a sapere chi ha votato pro e chi contro la tua richiesta di asilo. Nonostante sia una decisione collegiale, ha un fortissimo peso il parere del commissario che ha ascoltato la tua intervista.

 

Se l’interprete sta traducendo male, lo posso interrompere?

Lo devi interrompere. Devi bloccare l’intervista e far mettere a verbale che tu sei convinto che quell’interprete non va bene per supportarti, conseguentemente chiedi un cambio di interprete o l’interruzione dell’intervista. Se ti viene negata la richista, fai mettere questa cosa a verbale, potrà esserti utile nel momento in cui dovessi ricevere un diniego e volessi presentare un ricorso.

 

Che tipo di documenti posso portare di fronte alla Commissione?

Puoi portare documenti di tutti i tipi: ad esempio prove che hanno a che vedere con la tua storia (mandati di cattura, articoli, atti di conversione religiosa), o documenti che hanno a che vedere con il tuo stato salute (certificati medici o cartelle cliniche). Li puoi portare sia in originale che in copia. Ricordati che anche se non hai documenti o prove cartacee da presentare non succede nulla, sono utili ma non necessari.

 

 Nei giorni prima dell’intervista posso comunicare con l’Unhcr?

Si. Sicuramente non potrai parlare con una persona che ti potrebbe intervistare, però l’Unhcr è un organo sempre aperto all’ascolto.

 

English version

Version Française

 

 

Efiubò è una rubrica radiofonica che risponde ai quesiti e ai dubbi legali dei migranti che vivono in Italia. Uscirà ogni quindici giorni a partire da oggi, 15 febbraio. Se hai anche tu dubbi o domande, scrivi a efiubo@gmail.com

 

 Efiubò è un progetto realizzato con il contributo dell’otto per mille della Tavola Valdese

 

 

Top