Dispersi 01: La determinazione di Samir

Nella primavera del 2011, a seguito della rivoluzione popolare culminata con la fuga del dittatore Ben Alì, più di ventitremila persone hanno lasciato le coste tunisine, approfittando di una momentanea apertura delle frontiere; viaggiavano verso la costa italiana su piccole e vecchie imbarcazioni e quattro di questi scafi sono scomparsi nel nulla. In un ciclo di cinque puntate, “Dispersi. Sulle tracce di 236 ragazzi” ripercorre questa vicenda, attraverso i racconti dei familiari dei giovani di cui si sono perse le tracce.

Protagonista di questa prima puntata è Samir Raouafi, padre di Mohamed, partito il 14 marzo dal porto di Sfax e scomparso nel nulla. Samir ci conduce per le vie del Kram, la periferia di Tunisi in cui vive.  I giovani dei quartieri popolari come il Kram sono stati coloro che più si sono esposti durante la rivoluzione del 2011, ma sono stati anche quelli che nelle settimane successive, quando per la prima volta dopo decine di anni le frontiere si sono aperte, si sono imbarcati alla volta dell’Italia. Come ha fatto Mohamed, il figlio scomparso di Samir.

Dispersi è stato realizzato nell’ambito di un progetto realizzato dal collettivo Stalker e Amisnet.

A cura di Elise Melot e Marzia Coronati.

 

Foto di Giulia Fiocca

Top