La Capretta 06: Saper leggere tra le righe

GLI USA DIECI ANNI DOPO L’11/9

Questa puntata della Capretta fa il punto sulla letteratura ispirata all’11 settembre, iniziando dalla valanga di libri pubblicati con eccezionale tempismo in cui viene ribadita ossessivamente l’ipotesi di una minaccia islamica. Su un versante più popolare e populista spiccano gli strazianti ricordi dei sopravvissuti raccolti in un macabro libro uscito pochi giorni dopo la tragedia e l’inaugurazione di un archivio digitale a cura dello Smithsonian Institute con le testimonianze di miglia di comuni cittadini ai quali era stato chiesto di raccontare dove si trovassero e cosa stessero facendo nel momento dell’attacco. L’archivio ha come unica funzione quella di “fissare” il ricordo dell’attacco nell’immaginario collettivo e non contiene neppure un documento relativo ad eventuali indagini o inchieste sugli accadimenti dell’11/9. Infine, la sconcertante vicenda di Ward Churchill, accademico di grande levatura, licenziato dall’università del Colorado per le sue controverse dichiarazioni sulle vittime del WTC e la satira involontaria di un libro scritto dall’allora sindaco di New York Rudolph Giuliani, autoelettosi consolatore ufficiale dell’11/9, al termine di un giro di conferenze che gli fruttarono ben quattro milioni di dollari.

Ascolta le altre puntate 

Che cos’è La Capretta

Top