La battaglia culturale del teatro di Ostia

L’attacco di giovedì scorso al Teatro del Lido, a Ostia, è la dimostrazione di come “la chiusura di un teatro rende la città più brutta e violenta”. A sottolinearlo è il Comitato Cittadino per la riapertura del Teatro del Lido, che proprio in questo fine settimana ha dato vita nello stabile un Festival dell’Autorganizzazione”, una due giorni di festa promossa dai collettivi studenteschi di Ostia. Il 17 giugno, il primo giorno del Festival, 3 esponenti di casapound hanno tentato un’aggressione di fronte al Teatro, mentre il giorno prima era stato un gruppo di “ignoti” ad esercitarsi nel tentativo di scardinare le porte dello stabile. Azioni accompagnate dalla comparsa in vari luoghi della città di una serie di scritte contro il Teatro del Lido. “Condanniamo senza se e senza ma la logica dello scontro in quanto estranea alla battaglia per la riapertura dello stabile di Via delle Sirene” ha scritto all’indomani degli episodi il Comitato. “Come Comitato Cittadino per la riapertura del Teatro del Lido prenderemo tutti i provvedimenti necessari affinché la nostra, che è una battaglia per la cultura e la socialità, non si trasformi in terreno di scontro”. Il Teatro del Lido era stato riaperto nel 2003 dopo 25 anni di abbandono. Nel 2008 però la giunta Alemanno ha nuovamente decretato la sua chiusura.

Top