Radio Tunisi 5: verso il voto di luglio

Quinta ed ultima tappa del nostro percorso nella Tunisia del dopo Ben Alì, raccontata attraverso lo stato di salute dei media. Francesco Diasio, inviato a Tunisi, racconta la sua visita all’Ufficio Nazionale della Telediffusione, organo che di fatto esercita ancora oggi un controllo pressoché totale sulle frequenze radio e Tv e sulle nuove licenze. A presiedere l’istituto è oggi un ex dirigente della famigerata Agenzia della Comunicazione Esterna, organo che sotto Ben Alì si occupava di censurare internet e bloccarne l’accesso. Non è un caso se l’Ufficio si comporti oggi con le stesse modalità del passato e con una gestione autoritaria dei permessi a trasmettere. Un’ulteriore dimostrazione che le sacche reazionarie legate alla dittatura siano oggi ancora molto presenti e hanno i loro uomini in posti chiave dell’amministrazione. Il cambiamento in Tunisia è un processo che richiede tempo e uno dei momenti più importanti saranno le elezioni previste per il prossimo 24 luglio. Per arrivarci i passi da compiere sono molti, a cominciare dall’approvazione di una legge elettorale che permetta un autentico ricambio della classe dirigente.

Tutte le puntate di Radio Tunisi

Top