Pestaggi a Ponte Galeria dopo il presidio di sabato

Da Radio Onda Rossa

Una donna che si trova rinchiusa nel Cie di Ponte Galeria da cinque mesi, telefona a Radio OndaRossa per raccontare – in un misto di italiano e inglese – il pestaggio subito lunedì mattina. La donna racconta ai microfoni che gli uomini delle forze dell’ordine l’hanno portata in un ufficio all’interno del centro, per picchiarla, insieme ad altre donne. Evidentemente polizia e carabinieri, ma anche il direttore del centro, non hanno gradito la presenza lo scorso sabato di circa 300 manifestanti che hanno partecipato al presidio sotto alle mura del Cie. Sabato una trentina di reclusi erano saliti sul tetto della struttura scandendo slogan per la libertà e agitando uno striscione, mentre dalla sezione femminile arrivavano le grida e i messaggi delle donne. Episodi che non sono sfuggiti alle autorità del centro. Gli uomini in divisa hanno spiegato chiaramente alle donne che il pestaggio è una risposta al “casino” che hanno fatto sabato, durante il presidio, e hanno assicurato loro che saranno deportate al più presto nei rispettivi paesi d’origine.

Ascolta il racconto su Radio Onda Rossa di una delle donne picchiate

Top