Roma: due giorni di denuncia e memoria a un anno da Rosarno

Era il 7 gennaio del 2010 quando le proteste dei braccianti sfruttati nei campi di Rosarno, in Calabria, sfociavano in una crudele repressione, culminata con la deportazione di decine di lavoratori. A un anno da quei fatti, poco o nulla è cambiato per i lavoratori agricoli migranti. A Roma un sit-in e una raccolta di arance per la capitale commemorano questo anniversario.

 “Oggi a Rosarno come in tutta Italia, nulla è cambiato. La filiera agricola “tutta italiana” continua a produrre con il lavoro nero e il caporalato. La GDO continua a strangolare l’agricoltura contadina controllando i prezzi. I lavoratori immigrati per l’assenza di strutture di accoglienza sono costretti a condizioni di vita sub-umane” spiega l’Assemblea dei lavoratori africani di Rosarno in un comunicato “In un paese verso il 9% di disoccupazione e con il permesso di soggiorno vincolato al contratto di lavoro, la clandestinità è una condizione  imposta per alimentare il mercato delle braccia a basso costo”.

Il 7 gennaio alle dodici l’Assemblea dei Lavoratori Africani di Rosarno, l’Osservatorio Antirazzista Pigneto Tor Pignattara e PrimaveraRomana invitano a partecipare al sit-in con conferenza stampa sotto il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (via XX Settembre 20) per denunciare le responsabilità del Governo, delle Associazioni di categoria e della Grande Distribuzione Organizzata.

Il 9 gennaio invece ci si incontra in diversi punti della città per raccogliere le arance degli alberi della capitale e farne poi una marmellata. “Nei campi si continua a sfruttare il lavoro dei migranti, mentre nessuno sfrutta i prodotti della terra in città” dicono i promotori dell’iniziativa. La confettura verrà realizzata presso il centro sociale ex-Snia durante la stessa giornata. In contemporanea ci sarà un pranzo con cucina africana, e a seguire uno spettacolo e un dibattito. 

 Per maggiori informazioni e per gli appuntamenti di domenica, visita il blog di Primavera Romana

Top