Regione Lazio: ancora sul tetto

Undicesimo giorno di protesta per i sette che hanno occupato il tetto della sede della Giunta regionale del Lazio. Nonostante il freddo i manifestanti dei Movimenti contro la crisi non mollano. Mentre dalla Regione non arriva nessun segnale di disponibilita’.

Nonostante le rigide temperature, i sette manifestanti, lavoratori e precari, che undici giorni fa sono saliti sul tetto degli uffici della regione Lazio hanno deciso di non scendere. Due di loro saranno visitati da un medico, chiamato dagli stessi attori della protesta, mentre la presidente della regione Renata Polverini non sembra essere toccata dalla vicenda. La protesta comunque, promossa dai Movimenti uniti contro la crisi, non si ferma. Rimane inalterato il convincimento dei movimenti: il bilancio regionale deve essere messo in discussione perche’ contiene una manovra finanziaria con tagli violenti sulle politiche abitative, con la cancellazione dei finanziamenti per la legge sul reddito minimo garantito, l’azzeramento del sostegno ai consultori pubblici, l’eliminazione di gran parte dei soldi per le borse di studio, l?abbassamento generalizzato delle misure di welfare e degli ammortizzatori sociali.

Una conferenza stampa ? prevista per il 16 dicembre sotto i ponteggi del tetto della Regione Lazio, a via Maria Drago Mazzini, mentre sempre nello stesso luogo il 17 dicembre alle 17,30 ci sar? un’assemblea cittadina. Luned? 20 dicembre ? infine prevista una mobilitazione presso la sede del Consiglio regionale, in via della Pisana, durante la discussione del bilancio.

Top