Napoli: secchi di letame contro la disoccupazione

Un brutto inizio di giornata per gli impiegati del centro direzionale di Napoli isola A6.  La mattina del 21 ottobre un gruppo di persone incappucciate ha rovesciato secchi di letame sulle porte d’ingresso dell’edificio.

L’azione porta una firma, lasciata davanti all’ingresso: “BROS”. L’acronimo è il nome di un progetto di orientamento e formazione al lavoro, che negli ultimi anni ha dato sostegno economico a circa 4.500 disoccupati residenti a Napoli e provincia. Il progetto è giunto al termine e all’orizzonte non ci sono né soldi né nuovi tavoli di trattativa. “Un’efficace sintesi di cosa pensino i movimenti di lotta per il lavoro del nuovo orientamento politico amministrativo” commenta il giornalista di Monitor Dario Stefano Dell’aquila.

Contemporaneamente un altro gruppo di disoccupati ad Acerra dava alle fiamme rifiuti sui binari della tratta Napoli-Cancello e in numerosi quartieri della cittadina.

Top