Sul papa non si scherza: a Palermo l’ultima lezione della Digos

Durante la visita del papa a Palermo, domenica 3 ottobre, la Digos ha fatto irruzione in una libreria per rimuovere un cartello con la scritta “I Love Milingo” e sequestrare le vignette dell’esposizione “Papamobile del futuro” in mostra in questi giorni. Una sospensione inammissibile del diritto di manifestare le proprie opinioni, denunciano in un comunicato il proprietario della libreria e le associazioni promotrici dell’esposizione che sottolineano come il “provvedimento mini fortemente i diritti costituzionali sulla libertà di manifestazione del proprio pensiero, sia attraverso la critica che la satira”. Per i dirigenti della polizia le frasi e le vignette erano offensive, ma l’irruzione alla libreria Altroquando non è stato l’unico episodio di sospensione dei diritti in occasione della visita papale.

Il video dell’irruzione

Le vignette incriminate sul sito dell’associazione Scomunicazione

Top