Brescia: sgomberato all’alba il presidio per la sanatoria

E’ stato sgomberato questa mattina all’alba il presidio di migranti organizzato a Brescia davanti agli uffici della prefettura per protestare contro il rigetto della domanda di sanatoria. La protesta era partita ieri al termine di un corteo contro il clamoroso respingimento di un migliaio di domande di regolarizzazione presentate nel settembre del 2009. Su 11.300 domande presentate oltre 1000 sono state giudicate non valide dalla prefettura perché gli stranieri erano stati in precedenza fermati per il reato di “clandestinità”. Una decisione paradossale visto che la sanatoria serviva proprio a regolarizzare le persone sprovviste di permesso di soggiorno e visto che lo stesso Ministero degli Interni aveva precisato che il reato di clandestinità non poteva essere preso in considerazione per respingere le richieste. A confermare la decisione della Prefettura di Brescia è stato però anche il Tar e successivamente il Consiglio di Stato, che, diversamente da quanto deciso per altre città, hanno respinto i ricorsi presentati dai migranti. Il presidio partito ieri doveva essere permanente ma questa mattina alle 6.30 la celere di Brescia ha circondato i migranti, che hanno organizzato una resistenza passiva evitando così di essere portati in questura. Non sono mancati momenti di tensione e un ragazzo egiziano e’ stato portato all’ospedale dopo essere stato colpito alla gamba.

I momenti dello sgombero su Radio Onda d’urto

Top