Cile: lo sciopero dei prigionieri politici continua

Frequenze radio dal mondo

AgenciaPulsar_Argentina

78 giorni di sciopero della fame. 34 prigionieri politici di origine Mapuche hanno dichiarato che lo sciopero continuerà, fino a quando il governo cileno non si deciderà a mettere mano alla Legge Antiterrorista.
In questi giorni il governo ha chiesto più volte ai manifestanti di interrompere lo sciopero, in cambio ha promesso che non sarebbero stati giudicati dal tribunale militare, ma da quello civile. Il 27 settembre la portavoce dei mapuches Natividad Llanquileo ha annunciato che l’offerta del Governo non è stata accettata dagli scioperanti. Una delle richieste dei prigionieri politici è l’eliminazione della Legge Antiterrorista, pesante retaggio della dittatura militare di Augusto Pinochet. La legge permette, tra l’altro, di incarcerare gli accusati durante tutto l processo e l’utilizzo di testimoni anonimi in giudizio.

Ascolta l’intervista a Natividad Llanquileo dell’ Agencia Pulsar

Top