Bolivia: sanzioni ai media che alimentano il razzismo

“Il media che autorizzerà e pubblicherà idee razziste e discriminatorie sarà passibile di sanzioni economiche e della sospensione della licenza”. Così recita la nuova legge contro i razzismo e la discriminazione approvata in questi giorni dalla Camera dei Deputati boliviana.

La nuova normativa, fortemente voluta dal presidente Evo Morales, ha scaturito l’ira delle opposizioni, che ritengono che la misura andrà ad intaccare la libertà di espressione.”E’ come mettere una morsa ai media nello stile di Chavez, il presidente del Venezuela, anche se qui in Bolivia lo si sta facendo in un modo dissimulato” ha detto Mauricio Muñoz capo dell’opposizione alla Camera dei Deputati.
“Il mio lavoro è quello di sradicare i razzisti che sono a capo dei mezzi di comunicazione. E questa norma darà fastidio solo a quelle persone che diffondono razzismo attraverso un microfono. Non metteremo a tacere i media e mai lo faremo” ha risposto il presidente.

Top