Oaxaca: giornalisti vittime di un’imboscata

Sale ogni ora il numero di dispersi e feriti colpiti da un’imboscata nei pressi del municipio di San Juan Copala, Messico. Tra le vittime, Bety Carino, tra le fondatrici della Rete delle radio Indigene Comunitarie del Sud-est messicano.

Il 28 aprile la carovana di difensori dei diritti umani, giornalisti, osservatori internazionali e attivisti di diverse organizzazioni di Oaxaca si stava dirigendo a San Juan Copala quando è stata attaccata da un gruppo di uomini armati, riconosciuti come membri del gruppo paramilitare Ubisort.  Il giorno successivo i media locali hanno annunciato la morte di Bety Carino e il ferimento di decine di persone, oltre a diversi dispersi. Secondo Radio Mundo Real, oltre all’attivista assassinata, sarebbe stato ucciso anche Juri Jaakkola, attivista di origine finlandese.

Il 29 arile ancora risultavano dispersi due giornalisti della rivista Contralinea e due membri di  Vocal. I giornalisti stavano portando avanti un’inchiesta sull’assassinio delle due redattrici della radio comunitaria “La voz que rompe el silencio” Felicitas Martinez e Teresa Bautista, uccise lo scorso 7 aprile 2008 in un’imboscata attribuita sempre al gruppo paramilitare Ubisort.

Top