Perù: anche l’Italia è complice della strage nella selva amazzonica

Gli scontri  tra nativi e polizia del 5 giugno a Bagua, nord del Perù, hanno acceso i riflettori su una realtà che esiste orami da tempo. Le comunità protestano contro diversi decreti legislativi approvati dal governo che avrebbero conseguenze gravissime sill’ambiente dove vivono. Uno dei progetti piu avversati è il Perù LNG, che vede tra i suoi sostenitori anche un’agenzia italiana.

Le multinazionali si sono introdotte in Perù alla ricerca di risorse naturali, soprattutto di gas, all’inizio degli anni ’90. Il saccheggio piu violento è iniziato con il’avvio del progetto di Camisea Perù LNG, un gasdotto di centinaia di chilometri capace di trasportare fino a 600 milioni di barili di gas in forma liquida. Oggi, con i nuovi decreti legge approvati dal governo peruviano, nuove concessioni potranno essere assegnate a imprese di tutto il mondo.

“Alla fine del 2007 si è aperta la discussione per il finanziamento del progetto LNG, per la cui realizzazione sono necessari oltre 4 miliardi di dollari” spiega Elena Gerebizza, della Campagna per la Riforma della Banca MOndiale, “Il progetto aveva bisogno di un sostegno, che è stato concesso da diverse agenzie di credito all’esportazione, inclusa l’italiana SACE,  che ha dato una garanzia di oltre 250 milioni di euro, e successivamente dalla Banca Mondiale”.
“Successivamente il governo peruviano ha dichiarato che una parte dei proventi derivati da questo progetto sarebbero stati utlizzati per finanziare il Fondo per la difesa nazionale, con un vincolo specifico sull’acquisto di armi per la polizia peruviana; quindi era chiaro che ci si stava preparando a forme di repressione contro chiunque avesse tentato di ostacolare l’utilizzo delle risorse naturali” conclude Gerebizza.

Gravissime le conseguenze della costruzione del progetto, che già oggi stanno dando i loro frutti amari. La nuova via attraverso l’Amazzonia, fino ad oggi incontaminata, ha provocato, oltre al disboscamento di ettari di terreno, l’apertura di un varco che lascia libero il passaggio a cacciatori e contrabbandieri di legno pregiato.

Tags , ,

Related posts

Top