Milano: il corteo anti-razzista degli occupanti di Bruzzano

Sfilano a centinaia per le vie del centro di Milano. Sono gli occupanti dell’ex residence Leonardo  Da Vinci di Bruzzano, sfrattati martedì 21 dallo stabile. Al grido “Yes we can”, si muovono da Porta Venezia a piazza S.Babila.
Sono tutti rifugiati o richiedenti asilo. Persone in fuga da paesi in guerra e che, in base alla legge italiana e alle normative europee, dovrebbero ricevere assistenza nel nostro territorio.
I circa 400 migranti in cerca di un alloggio venerdì 17 aprile avevano occupato uno stabile in disuso da anni, ma dopo soli quattro giorni di occupazione  la polizia ha fatto irruzione nel palazzo e attuato lo sgombero. Un gruppo di loro si è allora diretto verso i binari delle Ferrovie Le Nord bloccando il traffico ferroviario della Milano-Asso per circa un’ora, prima di subire un nuovo sgombero da parte delle forze dell’ordine.
Martedì, dopo una lunga assemblea, i rifugiati hanno autonomomente scelto di muoversi compatti, hanno imboccato la strada verso il centro di Milano, subendo una nuova carica della polizia che ha provocato numerosi feriti. Dopo un’altra assemblea e una nottata passata all’interno dell’ex- Paolo Pini, nel pomeriggio di oggi sono scesi di nuovo in piazza, questa volta nelle vie del centro.

[Fonte fotografia: Melting Pot]

Related posts

Top