Abruzzo: “Emergenza tamponata, ora si lavori sul medio e lungo termine”

Renato Di Nicola, di ritorno dai campi de L’Aquila, Fossa e Onna: “I servizi basici, i letti e le coperte ci sono, ma ancora non è stato perfezionato il coordinamento tra i campi, ma è una questione di pochi giorni”. Le scosse sismiche però continuano; nel campo di Fossa al momento non si può entrare perchè da una parte la strada è bloccata e dall’altra è crollato un ponticello. Molti sfollati preferiscono dormire in macchina, e poi ci sono ancora decine di anziani che non vogliono lasciare le loro case.

“Per ora i volontari sono sufficienti” spiega Renato, “dopo Pasqua ci sarà un ricambio molto grande di persone e ci sarà bisogno di nuovi volontari”. All’emergenza si sta rispondendo,l’importante adesso sarà concentrarsi nel medio e lungo termine.

Importante adesso è anche fare un tam tam perchè si raccolgano notizie di persone straniere che non sono reclamate, in quanto senza documenti. Chi ha informazioni su queste persone, potrà chiamare al 3391095093 o scrivere all’info@pralipe.it

E’ notizia di pochi minuti fa la morte di una signora argentina, a Onna.

Clicca qui per ascoltare l’appello di Julia, dell’associazione Pralipe.

Related posts

Top