Aldo Bianzino: il caso non è chiuso

Non è ancora chiuso il caso di Aldo Bianzino. Per il giudice Massimo Ricciarelli la vicenda dell’uomo morto il 12 ottobre 2007 nel carcere di Capanne continua a non essere chiara. Aldo, un ebanista di Pietralunga, viene arrestato insieme alla sua compagna per detenzione di marijuana. Il giorno dopo la carcerazione, le guardie trovano il corpo di Aldo senza vita. Dopo la sua morte, l’indagine aveva fatto decidere al pubblico ministero per l’archiviazione: Aldo sarebbe morto per cause naturali. Ma la famiglia non ci crede e fa opposizione all’archiviazione; l’indagine appare, secondo i famigliari di Aldo, lacunosa e con molti interrogativi, a cominciare da un fegato spappolato, come strappato via dalla sua sede naturale. Il 17 ottobre il Gip convoca il Pm e le parti, ossia i legali della famiglia. E infine scrive la sua ordinanza che riapre le indagini.

Related posts

Top