Passpartù 02: storie dal carcere

Altin è un giovane albanese trapiantato a Padova, eJamel un attore di teatro di origine tunisina che vive a Volterra. Nella seconda puntata di Passpartù la storia di due detenuti che hanno deciso di intraprendere un cammino professionale parallelo al carcere. In chiusura, Nomadi, la rubrica sui popoli in movimento, continuerà a occuparsi di Tuareg.


Clicca qui per ascoltare o scaricare Passpartù 02 – Storie dal carcere

Ospiti della puntata: Altin, autista e pasticcere di origine albanese; Gennaro Santoro, associazione Antigone; Jamel Bin Salh Soltani, attore teatrale; Armando Punzo, regista

In redazione: Elise Melot, Marzia Coronati

Il programma è a cura di Marzia Coronati

Altin a diciassette anni ha deciso di lasciare l’Albania per trovare fortuna in Italia. Da pasticcere a commerciante d’auto, i primi due anni di permanenza in Italia sono stati piuttosto produttivi, fino a quando, nel ’94,Altin, appena diciannovenne, viene accusato della morte di un uomo. Arrestato a Padova, viene condannato a una pena di 24 anni di detenzione.
Essere un detenuto ed essere straniero. La lontananza dalla famiglia, l’integrazione con gli italiani, le difficoltà linguistiche: Altin ci racconta la sua esperienza, fatta di ostacoli ma anche di momenti di solidarietà con gli altri detenuti.

Jamel Bin Salh Soltani è il protagonista dello spettacolo teatrale “Il libro della vita, la storia di Ali”. La biografia di un uomo scritta a quattro mani da Mimoun el Baruni, ex detenuto di Volterra, e Armando Punzo, direttore della Compagnia della Fortezza, il laboratorio teatrale all’interno del carcere di Volterra.
Mimoun aveva anche interpretato il suo personaggio, quando lo spettacolo ha esordito. Oggi La storia di Ali torna nei teatri di Italia con un nuovo interprete, Jamel Bin Salh Soltani. Questo attore di origine tunisina ci ha raccontato che è stato mplto facile calarsi nella parte, perchè l’ esperienza del vero Alì, che dalla tunisia era venuto in Italia, assomigliava molto alla sua, che a 22 anni ha lasciato il suo paese alla volta dell’italia .
La prossima data dello spettacolo è prevista per il 25 ottobre a Palazzolo sull’Oglio, Brescia.
Per maggiori informazioni: www.compagniadellafortezza.org

Il 38% dei detenuti nelle carceri italiane è straniero, con una percentuale che supera il 50% negli istituti minorili. nel 90, gli stranieri costituivano il 9%, un enorme numero di persone entra per una violazione che si può definire amministrativa, anche se ricade sul penale, cioè la mancata ottemperanza all’ordine del questore di allontanarsi dal paese entro cinque giorni, che dal 2004 è punito con una pena fino a cinque anni di carcere. Il 90% di chi ha scontato la pena avrà un espulsione a fine pena, come ci ha spiegato Gennaro Santoro, dell’associazione Antigone.

Related posts

Top