Melilla: l’assalto dei disperati durante Spagna-Italia

Mentre gli spagnoli erano intenti a festeggiare la vittoria contro l’Italia negli europei di calcio, nelle enclave spagnole sulla costa africana, ultimi strascichi del colonialismo spagnolo, si assisteva ad un nuovo assalto dei migranti subsahariani sospesi nella terra di nessuno tra Marocco ed Algeria alla disperata ricerca di una via verso l’Europa.

L’intervista con Alain, migrante camerunense che vive nel campo di Oujda, al confine tra Algeria e Marocco. A cura di Carlo Cascione di Radio Vallekas.

Nel campo di Oujda siamo in 950, ci sono 27 donne e 4 bambini. Stiamo vivendo un momento molto difficile, non abbiamo niente da mangiare ;
abbiamo lasciato il nostro paese ,  e dobbiamo lasciare il Marocco perche’ neanche qui c’e’ da mangiare. Siamo costretti a fare l’elemosina ; dhiram per dhiram per poter mangiare qualcosa.

Veaniamo da molti paesi : dal senegal, dalla nigeria, dal congo ; dal Bangladesh, dall’India, dal Cameroun. Aspettiamo che le porte della Spagna si aprano per poter passare.

Io aspetto da 8 anni e continuo ad aspettare. Sempre. Sono gia’ stato espulso: 2 volte dalla Spagna e 5 volte dal Marocco in Algeria.

La frontiera con l’Algeria e’ un bel problema : ci sono aggressioni, stupri. Anche se sei un uomo arrivano a violentarti. Succedono molte cose brutte.
E poi c’e’ la polizia : appena ti espellono dal Marocco arriva la polizia algerina e arresta tutti. Picchiano la gente e la riportano alla frontiera con il Marocco.  E la polizia marocchina fa la stessa cosa.  Fanno un ping pong. Giocano con noi. Gli algerini ci espellono in Marocco e i marocchini in Algeria ;

poi in mezzo c’e’ un terreno neutro ; che e’ dell’ONU. Li’ non possono venire ne’ i marocchini ne’ gli algerini, allora restano li’ e ti guardano. Se vai in Marocco ti arrestano, se vai in Algeria ti arrestano.  In questa terra di mezzo invece ‘ non ti possono toccare, pero’ nneanche li’ puoi vivere, , fa freddo, non si puo’ stare li’, non ci sono case, e’ solo un terreno vuoto.

Top