Pena di morte: domani al voto la risoluzione Onu per la moratoria

Si  aprono domani i lavori dell’Assemblea Generale per la moratoria sulla pena di morte. Tra tre giorni l’Onu voterà la risoluzione per la moratoria delle esecuzioni capitali.  

 Il primo segno positivo è arrivato il 14 dicembre: il New Jersey ha abolito la pena capitale, ed è diventato così il quattordicesimo Stato abolizionista degli Stati Uniti e il primo ad avere cancellato la pena di morte dopo il suo ripristino, nel 1976, a opera della Corte suprema federale.Intanto dieci giorni fa Mumia Abu Jamal, scrittore e giornalista statunitense, attivista delle Pantere Nere, la storica organizzazione rivoluzionaria dei neri degli Stati Uniti nata alla fine degli anni ‘60, inizierà il ventisettesimo anno di detenzione nel braccio della morte della prigione statale di Greene, Pennsylvania. Risale, infatti, al 9 dicembre 1981 il suo arresto a Philadelphia durante un alterco con il poliziotto Daniel Faulkner.Per ricordare questo anniversario abbiamo raggiunto Silvia Baraldini, anche lei componente del partito rivoluzionario delle Black Panther  e che fu condannata nel 1983 a una pena cumulativa di 43 anni di carcere negli Stati Uniti da cui è stata scagionata solo un anno fa. La puntata di Radio Carta di questa settimana è dedicata al tema della giustizia statunitense, ripercorrendo due famigerati casi di detenzione per reati a sfondo politico: il caso di Mumia Abu Jamal e quello di Sacco e Vanzetti. Per ascoltare Radio Carta clicca qui: http://radiocarta.amisnet.org/2007/da-mumia-a-sacco-e-vanzetti-60-anni-di-detenzioni-politiche/

Top