Acqua: il 1° dicembre in piazza anche contro l’Italia sprecona

L’Italia è il paese europeo che preleva la più elevata quantità d’acqua in Europa. Con i nostri 980 metri cubi per abitante all’anno, consumiamo il doppio della Grecia e più della Spagna o della Francia, ferma a 700 m cubi. Per arrestare tale spreco, il Forum dei Movimenti per l’Acqua chiede al Governo che vengano inserite nella Finanziaria misure che “pongano al centro l’acqua come bene comune e che siano finalizzate al risparmio della risorsa”. Sono in particolare due le proposte avanzate dal movimento e che verrano ribadite in occasione della manifestazione nazionale del primo dicembre: l’incentivazione del risparmio idrico in agricoltura, industria e negli usi domestici e l’istituzione di un Fondo nazionale da destinare alla ristrutturazione delle reti idriche.

spot manifestazione acqua 1 dicembre

contagocceDove finisce l’acqua in Italia e che uso ne facciamo? A parlarne con noi è Barbara Casentini del CNR nella seconda tappa del viaggio di AMISnet a fianco del Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua.



Tra sprechi, perdite, furti è difficile trovare un settore in cui la nostra acqua viene gestita in modo intelligente. Siamo al primo posto come prelievi per usi domestici, 249 litri per abitante al giorno, quando ne basterebbero 60, destiniamo tra il 50 e il 60% di tutta l’acqua prelevata all’agricoltura mantenendo un degli indici di consumo per ettaro irrigato più alto e le cose non vanno meglio nel settore industriale.

Top