Acqua: in piazza il 1° dicembre per dire “no” alle privatizzazioni

Prosegue la lotta dei movimenti per l’acqua per bloccare i processi di privatizzazione portati avanti in questi anni dalle politiche liberiste in nome del profitto. Con questo obiettivo principale, il Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua invita la società civile a partecipare alla manifestazione nazionale: “Ripubblicizzare l’acqua, difendere i beni comuni”, in programma il 1° dicembre a Roma.
Con la protesta, che partirà da Piazza della Repubblica alle ore 14:30, s’intende richiamare la politica ad un impegno concreto “per la tutela e pianificazione della risorsa idrica, per la ripubblicizzazione del servizio idrico e il suo governo partecipato, ma anche per realizzare provvedimenti di solidarietà internazionale ed interventi nella fiscalità generale che finanzino una parte degli investimenti e garantiscano a tutti il quantitativo minimo vitale “.

acua bene comune In particolare, il Forum dei Movimenti per l’Acqua ribadisce ancora una volta al Governo la necessità di dar vita ad un provvedimento urgente di moratoria che affidi i servizi idrici per un anno. Provvedimento già approvato nei giorni scorsi dal Senato nel decreto fiscale collegato alla Finanziaria, ma che necessita di un’apporvazione altrettanto celere in Parlamento.

Inoltre, la Finanziaria dovrà anche contenere – come si legge nello stesso comunicato dell’iniziativa – delle misure che “pongano al centro l’acqua come bene comune e siano finalizzate al risparmio della risorsa attraverso:

a) l’incentivazione del risparmio idrico in agricoltura (passaggio a sistemi di irrigazione a minor consumo di acqua) nell’industria e negli usi domestici (obbligatorietà di reti duali e sistemi di recupero dell’acqua piovana);

b) l’istituzione di un Fondo nazionale per la ristrutturazione delle reti idriche, dotato di adeguate risorse, in grado di intervenire sulla situazione non più sopportabile delle perdite e degli sprechi”.

contagocce rubrica amisnet ripubblicizzare acquaPer maggiori informazioni sulla gestione pubblica/privata dell’acqua in Italia ascolta la rubrica “Acqualatina: un buco nell’acqua da 14 milioni di euro” realizzata da AMISnet il 6 aprile scorso. Si tratta della prima di 11 tappe del viaggio intrapreso quest’anno da AMISnet a fianco del Forum dei Movimenti per l’Acqua.

Top