Francia: pungo di ferro contro i sans papiers. I primi segnali dell’era Sarko

Gli effetti di una circolare emanata dal neo Presidente Sarkozy, volta a risalire ai genitori dei bambini scolarizzati figli di irregolari, cominciano a essere evidenti.
Ieri a Tolosa tre famiglie di richiedenti asilo, compresi i loro figli, sono state arrestate e trasferite in centri di detenzione.
A cura di amislc

Due famiglie congolesi sono state trasferite nel centro di detenzione di Cornebarrieu, mentre la famiglia azera di Nelli, 9 anni e alunna della scuola Ferdinand de Lesseps, è stata trasportata al centro di detenzione di Marsiglia. Davianti alla scuola della bambina, dove era stato comunicato l'ordine di detenzione per i genitori, ieri si è formato un concentramento spontaneo di protesta, e forse anche per questo le autorità hanno deciso di spostare le famiglie fuori dalla città

La mossa non dovrebbe però servire allo scopo fa sapere Jean-François Mignard, presidente della Lega dei Diritti dell'Uomo e membro del RESF il Réseau éducation sans frontières, che ha commentato così l'accaduto: <<Quello che ci aspettavamo dopo le elezioni, una maggiore durezza, si sta verificando. Ecco con quale umanità vengono trattate le famiglie straniere senza documenti. Ma noi reagiremo di conseguenza e da domani il RESF sarà a Marsiglia.>>

Top