Europa: in carovana per la libertà di movimento

La Seconda carovana per la libertà di movimento, contro le deportazioni, per la chiusura dei CPT e la regolarizzazione senza condizioni di tutti i migranti d?Europa, partita il 23 giugno, si è conclusa ieri con l’arresto di 59 militanti. Per oggi è attesa la scarcerazione dei detenuti.
A cura di amismp

Domenica, 59 attivisti che hanno preso parte all’iniziativa all’interno del CPT di Barcellona sono trattenuti all’interno del commissariato di Laverneda. ( La corrispondenza di uno di loro raccolta da Global radio).

Dal comunicato della Carovana, il raconto della giornata di domenica 25 Giugno: 

 Verso le 10 e 30, più di 100 persone di diversi paesi d’europa si concentravano di fronte alle entrate di quello che sarà il nuovo centro di permanenza per starnieri (CIE), attualmente in costruzione nella zona franca. Le persone sono entrate pacificamente all’interno dei recinti con striscioni che denunciavano l’uso che avrà questo nuovo centro. Il nuovo centro di permanenza, che sarà il più grande della Spagna, sostituirà l’attuale (chiamato la verneda) e ampliarà la sua capienza. Il centro di permanenza la verneda, è stato denunciato sia dalle istituzioni internazionali di difesa ai diritti umani sia dai movimenti sociali più differenti. Questo poichè l’amministrazione ha presentato l’apertura di questo centro come un miglioramento delle condizioni di permanenza dei migranti.
Durante l’azione è stata presente la polizia che dopo aver negoziato un’uscita pacifica dal recinto, ha cominciato ad aggredire i giornalisti e minacciare con i cani i partecipanti distruggendo 1 telecamera della TVE. I fatti si sono conclusi con multiple aggressioni e con la detenzione di tutti quelli presenti tra cui 2 giornalisti, uno di Europa press e l’altro di TVE. I detenuti ora si trovano nel commissariato del centro la verneda, dove in questi momenti si mantiene una concentrazione d’appoggio che successivamente si trasferirà alla manifestazione.
Gli avvocati presenteranno un Habeas Corpus per detenzione illegale.
Denunciamo la smisurata e aggressiva azione della polizia davanti ad un atto totalmente pacifico e legittimo per la difesa dei diritti dei migranti. La manifestazione pacifica si convoca alle 18 in piazza dell’università per la chiusura dei centri di permanenza, per la libertà del movimento e la regolarizzazione senza nessuna condizione in Europa. Dopo la manifestazione si convoca anche un concentramento davanti al centro di permanenza la verneda in solidarietà con i detenuti. Anche il concerto si terrà sempre nel Centre Cívic Sant Martí (metro Bac de Roda) alle 21 di sta sera.

Grupo de prensa de la II Caravana Europea por la Libertad de Movimiento

 

Top