Bruxelles: commissione europea sull’export cinese

La Commissione europea deciderà giovedì se aprire un’inchiesta su alcuni settori dell’export tessile cinese.
A cura di amismp

Questo è il primo passo verso la limitazione del boom di importazioni registrato dopo l’adozione delle nuove quote lo scorso 1 gennaio.

Pechino, da parte sua, avverte Bruxelles: le relazioni commerciali con l’Europa potrebbero essere pregiudicate se l’Ue adottasse misure per limitare le esportazioni di prodotti tessili cinesi.

L’aumento di importazioni di tessile dalla Cina ha raggiunto, per alcuni articoli,  un +543% nel giro di pochi mesi.
Ieri, in una riunione notturna a Lussemburgo, i ministri dei 13 paesi dell’Ue che hanno un’importante industria tessile (Italia e Francia, ma anche Spagna, Portogallo, Belgio e molte nazioni dell’Est) hanno rinnovato il pressing sui colleghi degli altre nazioni dei Venticinque, affinché il commssario Ue Mandelson abbandonasse la linea morbida nei confronti di Pechino, per imboccare invece il ‘fast track’ (procedura rapida) nella strada che potrebbe portare nel giro di qualche settimana all’adozione di clausole di salvaguardia.

Top