Roma: sit in per il rispetto dei diritti umani in Turchia

Appello per la liberazione di Muyeser Gunes, donna kurda cittadina europea, e di altre 26 persone arrestate in Turchia, nella regione kurda, durante una manifestazione pacifica.
A cura di amisla

Domani 20 aprile, dalle ore 15 alle ore 16 sit in prossimità Ambasciata turca a Roma via Palestro angolo via S.Martino della battaglia e dalle ore 18.30 alle ore 19.30 sit in a largo Argentina lato Feltrinelli
 

Le due iniziative organizzate dalle Donne in Nero Roma intendono denunciare il grave stato di violazione dei diritti umani, civili e politici in Turchia.

Il 6 marzo a Istanbul è stata caricata violentemente una manifestazione di donne in piazza per la giornata della donna. Numerosissime le donne ferite, 63 le donne trattenute in stato di fermo presso le gendarmerie. In Turchia il fermo di polizia può arrivare fino a 5 giorni.

Il 5 aprile , a Derik, nella regione del Kurdistan Turco è stata arrestata, insieme ad altre 26 persone, Muyeser Gunes dell’associazione Madri della Pace, autorevole voce del movimento per la pace, più volte protagonista in Turchia di significative azioni non violente alla ricerca del dialogo e del confronto democratico, al fine di trovare una soluzione al problema dei diritti civili del popolo Kurdo. L’arresto è avvenuto , durante una manifestazione pacifica per far cessare le operazioni militari del governo Turco, che di fatto occupa le citta’ del Kurdistan.

LA POLITICA DELLE GUERRE PERSEGUE SEMPRE LA VIOLENZA SULLE DONNE
FERMIAMO LE GUERRE, FERMIAMO LA VIOLENZA

Top