8 Marzo. Rsf rende omaggio alle giornaliste minacciate nel mondo

L’8 marzo il mondo celebra la giornata internazionale della donna, Reporter Senza Frontiere, ricordando che dall’8 marzo 2004 ad oggi, ben 5 giornaliste sono morte, vuole dedicare la giornata a tutte le giornaliste prigioniere di “guerra”.
A cura di amisla Reporters sans frontières rende omaggio alle donne giornaliste, cyberdissidenti e internaute che mettendo in gioco la loro vita hanno compiuto il lavoro d’informare. Rsf domanda alla comunità internazionale una mobilitazione per ottenere la liberazione delle donne detenute in Iraq, in Rwanda, alle Maldive, in Turchia e in Iran.
Il dato, macabro, è che dal 1992 ben 636 giornalisti sono stati uccisi nel compimento del loro lavoro di cui 38 donne. Nella maggiornanza dei casi, gli assassini delle donne giornaliste sono
rimasti impuniti. La mobilitazione è necessaria perchè giustizia sia
fatta.
Leggi le schede delle giornaliste incarcerate sul sito di Rsf.

Top