Malaysia, ultimatum per i lavoratori immigrati

Il primo ministro malese, Abdullah Badawi, ha dichiarato che dall’inizio del mese prossimo comincerà un nuovo corso più repressivo per le centinaia di migliaia di immigranti illegali, per la maggior parte provenienti dalla vicina Indonesia.
A cura di amisla E’ stato raggiunto l’accordo politico tra Jakarta e Malaysia per il giro di vite più volte minacciato per contrastare le immigrazioni irregolari. Entro il primo marzo, i cittadini non in regola con il permesso di soggiorno dovranno lasciare la Malaysia, pena il carcere. Il termine era stato procrastinato già tre volte, dando la possibilità ai lavoratori illegali di avere più tempo per lasciare la Malaysia prima di essere incarcerati.
Questo piano di evaquazione dalla Malaysia, chiamata dal primo ministro Badawi una “soft operation”, è apertamente criticato dalle organizzazioni che si occupano di diritti umani le quali indicano come l’Indonesia, la nazione di maggior provenineza degli immigrati irregolari, stia pagando con questi accordi gli aiuti finanziari arrivati dalla Malaysia dopo lo tsunami del 26 dicembre 2004.

Top