I processi continuanano ma il team legale chiude

Continua il lavoro di sostegno e assistenza alla Segreteria Legale genovese per il g8 e per i processi di Cosenza e i fatti di Napoli del marzo 2001. Ma il lavoro della segreteria legale costa molti soldi. Se non si raccoglie denaro sufficiente adesso, si chiude. Oggi comincia l’udienza preliminare per i fatti di Bolzaneto.Come ci spiega Mina:
A cura di amismp

Oggi, 27 e il 29 gennaio a Genova, ci sarà l’udienza preliminare a carico di 47 funzionari ed agenti delle forze dell’ordine e del corpo delle Guardie Carcerarie, medici ed infermieri: 12 carabinieri, 14 agenti di polizia, 16 guardie penitenziarie, 5 tra medici e infermieri accusati delle violenze commesse ai danni degli arrestati e dei fermati, da venerdì 20 alla domenica 22 luglio 2001, nella caserma di Genova Bolzaneto.Tre anni durante i quali sono stati raggiunti risultati
importanti: il rinvio a giudizio dei 28 poliziotti della Diaz; la scoperta
dell’uso di spranghe al posto dei manganelli di ordinanza da parte delle
forze del (dis)ordine; la conferma del drammatico errore relativo alla
prima carica in via Tolemaide. Risultati ottenuti grazie a un lavoro
serio, sistematico e minuzioso su una mole imponente di materiali.
Chi per mandato, fino a pochi mesi fa, raccoglieva soldi per i processi, non riesce a
raccoglierne a sufficienza; le campagne di raccolta fondi, per quanto
numerose e importanti, non bastano.Se accade questo, finisce da un giorno all’altro tutto il lavoro di difesa e consulenza compiuto fino ad ora: 26 persone potrebbero essere condannate
ad anni di carcere con l’accusa di devastazione e saccheggio; i pestati, i
torturati alla Diaz e a Bolzaneto, non potranno più procedere nella
rivendicazione dei loro diritti; nessuno potrà chiedere e ottenere un
risarcimento per i danni subiti.

per contatti:
comunicazione@supportolegale.org

Per ulterorii info:
Verità e giustizia
Indymedia

Top