Scandalo all’Onu: Kofi Annan non si dimette

Niente dimissioni per il segretario generale dell?Onu, Kofi Annan, per lo scandalo Oil for Food. Lo ha affermato in un?intervista al Financial Times lo stesso Annan che ha, inoltre, dichiarato di voler continuare a fare il suo lavoro.
A cura di amissg Le dimissioni sarebbero un ?soluzione relativamente facile? secondo Kofi Annan e per questo vanno escluse. Sono le ultime dichiarazioni del segretario generale dell?Onu in seguito alle rivelazioni di illeciti nell’ambito del programma di sostegno umanitario, Oil fo Food.
D’altronde, non è stato registrato un suo diretto coinvolgimento nello scandalo delle tangenti versate a funzionari delle Nazioni Unite. Lo stesso Annan, però, ha ammesso il coinvolgimento del figlio Kojo, rimasto sui libri paga di una ditta svizzera, appaltatrice del programma, anche dopo essersi dimesso.Una vicenda difficile da gestire, per stessa ammissione di Annan che ha comunque ribadito la sua volontà di concentrarsi sull?importante agenda delle Nazioni unite’.
Intanto, la Cina chiesto l?intervento di una commissione d?inchiesta dell?Onu che accerti la verità

Top