FSE: media comunitari, le prossime tappe

Londra: si parla ancora di comunicazione e informazione al secondo giorno del Forum sociale europeo numero tre. E se ne parla abbondantemente con quattro appuntamenti che hanno attraversato le diverse aree di lavoro. Al centro dell’attenzione, le pratiche e strategie da mettere in atto nei prossimi mesi.
A cura di amisfdlondon Il tempo stringe. All’inizio del mese di marzo 2005 (il 10 e 11), il Consiglio d’Europa terra’ una grande conferenza interministeriale a Kiev, dove saranno discusse le politiche sui media al livello europeo per i prossimi anni. E i media comunitari non vogliono perdere questa occasione per ribadire di nuovo il loro ruolo all’interno del panorama mediatico: siamo parte del servizio pubblico e come tali dobbiamo essere tutelati e sostenuti con un Community Media Fund da attuarsi al livello europeo e nazionale, le frequenze sono un bene inalienabile della collettivita’ e come tali non possono essere messe in vendita, che i governi si impegnino a mettere in atto politiche per un accesso facilitato a internet in tutti i paesi.

L’appuntamento e’ da non sottovalutare. Si vuole organizzare un forum parallelo che porti nella capitale ucraina una “massa critica” di media, attivisti e organizzazioni che lavorano nel settore. Una sfida ambiziosa che richiede uno sforzo organizzativo non indifferente. Tra un mese enon piu’, capiremo se saremo in grado di farlo.

Top